Logo_Home_Calcio_Femminile   Brescia Femminile

Brescia femminile, altri addii: Zizioli lascia dopo 9 anni, con lei saluta Brunetti. Domani dovrebbe iniziare l'era Piovani

Ancora addii al Brescia femminile. E, quando saluta una bandiera storica come Elisa Zizioli, sa davvero di fine di un'era più che di un ciclo. La capitana storica delle Leonesse, la prima ad alzare una Coppa Italia e uno scudetto prima del ritiro di due estati fa e il nuovo ruolo di team manager, ha concluso la sua esperienza biancoblù. Si va verso il totale riallestimento dello staff, in attesa di definire la questione relativa al nuovo allenatore ha salutato anche Edoardo Brunetti, apprezzato in queste due stagioni come responsabile della comunicazione.

Domani dovrebbe essere il primo giorno dell'era Piovani. Il tecnico si incontrerà in mattinata con il presidente Cesari, resta da definire solo la composizione del nuovo staff per completare l'accordo: 'Pio' vorrebbe portare con sè tutto il gruppo degli Allievi Nazionali, incluso il team manager Roberto Antonini, che andrebbe proprio a sostituire Zizioli. Da definire, invece, la situazione di alcune giocatrici ora in ritiro con la nazionale: la società vorrebbe blindarle, ma la vetrina dell'Europeo potrebbe far pervenire qualche offerta irrinunciabile.

Redazione

Brescia femminile verso la scelta: Piovani in pole position, Amendola resta un'opzione valida

Il Brescia femminile sta per scegliere il nuovo allenatore per la stagione 2017-18. Certo da tempo l'addio con Milena Bertolini, che in 5 anni ha vinto 7 trofei (la Supercoppa è stato l'ultimo, lo scorso settembre), appurato il dietrofront di Antonio Cincotta che è rimasto alla Fiorentina venendo meno alla parola data, incassato il no di Mauro Bertoni che sembrava potesse essere la prima scelta, ora in lizza sono rimasti due allenatori: Gianpietro Piovani, che da tempo viene accostato alla panchina delle Leonesse (numerose le sue presenze in tribuna al Club Azzurri quest'anno), e Rosario Amendola. Quest'ultimo è il vice di Antonio Cabrini in nazionale, conosce bene le giocatrici ma, al momento, sembra non marginale la distanza tra domanda e offerta, specie considerando che Amendola è nei ranghi della federazione. 

Redazione

Brescia femminile, la scelta di vita di Elisa Mele: "Smetto di giocare, ora vado in missione e poi mi dedico agli studi. E' quello che voglio davvero fare"

Ha deciso di dire basta con il calcio a 21 anni, anche se la maglia azzurra se l'era tatuata addosso. Non solo quella del Brescia, anche della nazionale. Ma Elisa Mele, dopo aver preso in mano il centrocampo del Brescia nelle ultime stagioni, ha voluto prendere in mano la sua vita. E cambiarla.
 
In questa lettera spiega la sua scelta di vita. Coraggiosa, spiazzante, ma di cuore. In bocca al lupo Elisa, ti meriti il meglio!
Redazione

Cesari vede viola. Il presidente del Brescia Femminile deluso per la resa alla Fiorentina e per il tradimento di Cincotta, erede designato di Bertolini, ormai ai saluti

E' "Wind of change" degli Scorpions la colonna sonora del momento in casa Brescia Femminile. Vento di cambiamento, come è normale che sia. Il ciclo di Milena Bertolini è alla fine e anche il mosaico della squadra verrà restaurato dopo un'annata di alto livello, ma con più amarezze che gioie. Ne abbiamo parlato con il presidente Giuseppe Cesari, in un'intervista a 360 gradi sul presente e sul futuro della società biancoblù.

Redazione

Per le calciatrici in erba un’estate all’insegna del calcio con i camp delle Leonesse del Brescia

Brescia, Jesolo, Camaiore, Chianciano Terme. Quattro luoghi per altrettante opportunità di vivere un'estate da calciatrici nei camp programmati dal Brescia Calcio Femminile.

Si tratta di camp rivolti a bambine e ragazze di età compresa tra i 6 e i 18 anni che vogliano vivere il sogno di far parte per qualche settimana della famiglia delle Leonesse sotto la supervisione di un direttore tecnico della squadra che curerà le attività tecnico/sportive e dello staff tecnico della squadra.

Il primo appuntamento è quello di casa, programmato dal 26 giugno al 1° luglio con accoglienza presso l'Unahotel di Brescia e gli allenamenti tenuti sul campo del Club Azzurri, dove le calciatrici del Brescia si allenano tutto l'anno.

Quel campo sul quale bambine e ragazze partecipanti al camp troveranno il direttore tecnico Nicoletta Mazza insieme a diverse insegnanti del settore tecnico giovanile del Brescia: Federico Mazzola (Giovanissime), Simone Rezzola (Esordienti 2° anno), Andrea Trainini (Esordienti 1° anno); oltre ad alcune giocatrici della prima squadra in veste di ospiti speciali.

Il camp al Lido di Jesolo è a partito proprio ieri, mentre sono ancora aperte per quelli di Chianciano (19 – 24 giugno) e Lido di Camaiore (3 – 8 luglio).

Per tutti i dettagli e i costi dei vari camp è possibile visitare l'apposito sito web www.bcfcamo.leonessecalcio.it.

Redazione