Darfo e Pro Patria non si fanno male. Cronaca, tabellino e pagelle della gara

Redazione
Il timore di uscire sconfitti ha prevalso sulla voglia di vincere. La logica conseguenza è uno 0-0 che tutto sommato permette sia al Darfo Boario sia alla Pro Patria di vedere il bicchiere mezzo pieno.
 
La partenza è favorevole ai camuni, che creano la più grande occasione della loro partita dopo una decina di minuti. Sugli sviluppi di un corner, prima Mangano è strepitosa nel riflesso su un tocco ravvicinato di Galelli, poi sul tap-in Nibali spara clamorosamente alle stelle con la porta spalancata. Con il passare dei minuti i bustocchi prendono le misure e provano a rendersi minacciosi soprattutto grazie alle iniziative di Santana, ma Petrisor nella prima frazione non deve compiere interventi. Gli uomini di Javorcic si rendono pericolosi solo con un tiro da buona posizione di Colombo che spara alto.
 
Il portiere classe 1998 è invece decisivo nella ripresa quando, su un insidioso traversone deviato all'interno dell'area di rigore, riesce a impedire al pallone di entrare in rete con un grande intervento. La Pro Patria chiede a gran voce il gol, ma l'impressione, e soprattutto la valutazione del guardalinee, è che la palla non sia entrata. E l'unica emozione di un secondo tempo poco spettacolare dove le due squadre si accontentano del pareggio. Chissà se a fine girone di ritorno la posta in palio sarà ancora più alta.
 
Darfo Boario, le pagelle
 
Petrisor 6,5: reattivo nelle uscite, risponde alla grande nell'unica vera occasione in cui è chiamato in causa
N.Filippi 6,5: Santana è un avversario ostico, ma il terzino camuno lo limita abbastanza bene. In continua crescita
Lucenti 6,5: altra prestazione positiva, ma ormai non è più una novità
Bakayoko 7 (il migliore): tutto sotto controllo, come sempre in una stagione che per lui è quella della definitiva consacrazione
Savoini 6: ordinato e preciso, limita le incursioni offensive
Muchetti 6,5: sul piano della quantità porta il suo solito contributo
Panatti 5,5: qualche imprecisione di troppo per un giocatore del suo calibro
Zanardini 6: ottima partenza, alla lunga esce un po' dalla partita e la manovra del Darfo ne risente
Galelli 5,5: prova qualche spunto, la retroguardia della Pro lo contiene però senza troppe difficoltà
Spampatti 5,5: non fa mai mancare il lavoro sporco e di sponda, ma quasi mai è pericoloso in zona gol
Nibali 5,5: l'errore in avvio pesa come un macigno e forse lo condiziona nel corso della partita
 
Forlani, Lauricella e Vaglio sv: poco tempo per incidere
 
DARFO-PRO PATRIA 0-0
 
DARFO BOARIO: Petrisor, N. Filippi, Lucenti, Bakayoko, Savoini, Muchetti, Panatti, Zanardini, Galelli (dall’86′ Vaglio), Spampatti (dal 79′ Lauricella), Nibali (dal 76′ Forlani). A disposizione: Rdifi, Lebran, Bruno, Fratus, Petenzi, L. Filippi. Allenatore: Ivan Del Prato
 
PRO PATRIA: Mangano, Molnar, Zaro, Scuderi, Cottarelli, Colombo, Pettarin, Gazo, Galli (dal 90′ Bortoluz), Le Noci (dall’85′ Disabato), Santana (dal 76′ Gucci). A disposizione: Guadagnin, Chiarion, Mozzanica, Arrigoni, Ugo, Pedone. Allenatore: Ivan Javorcic
 

bsnews

annunci banner