Prevalle, tra primato e caso Scalvini. Il giocatore non fa più parte della rosa

Redazione
E' un momento felice in casa Prevalle, che negli ultimi due turni ha guadagnato cinque punti sul Lumezzane Vgz prima vincendo lo scontro diretto, poi superando l'Unitas Coccaglio mentre i valgobbini non andavano oltre il 2-2 contro il Real Dor.
 
In sette giorni tutto si è capovolto, dal -1 al +4 attuale. Domenica, in caso di vittoria tra le mura amiche contro l'Asola, i biancorossi trionferebbero in campionato con una giornata d'anticipo. Contro l'Asola però non ci sarà sicuramente Christian Scalvini a dare il proprio contributo: il giocatore da ormai qualche settimana è stato infatti allontanato dalla squadra in maniera definitiva. Il motivo della decisione? Un litigio con il presidente Giuseppe Mora in ambito lavorativo, sfociato in una separazione sia lavorativa sia calcistica.
 
“Sono molto amareggiato per questa decisione – spiega Scalvini, tornato adesso a Roma sua città natale – al Prevalle ero molto legato e ho passato anni splendidi, lasciare in un momento come questo con la possibilità di vincere il campionato porta ancora più rammarico. Con il mister e con i compagni c'è sempre stato un ottimo rapporto, auguro loro il meglio per la stagione attuale e per il futuro”. 
 
La società non si è invece sbilanciata confermando che la decisione è stata presa per volontà del presidente. La concentrazione rimane sul campo e sulla possibilità di chiudere i conti già domenica, per una vittoria che porterebbe comunque anche l'apporto di Scalvini.
 
 
 
 
 
 
 
 

banner assicurazione bottom

bsnews