logo_lnd   Seconda Categoria

Christian Botturi: “Montichiarello è rinato, ma adesso viene il difficile”

I cancelli di Montichiarello in questi giorni tornano ad aprirsi. Prima squadra e Allievi hanno già ripreso, a breve partiranno le altre squadre dell'agonistica e tutta l'attività di base. La maggior parte delle annate presentano due squadre, alcune addiritture tre. Se si considerano tesserati, tecnici e dirigenti, i numeri della Voluntas Montichiari superano quelli di alcuni comuni bresciani.
Redazione

Il nuovo corso del Travagliato parte da Bendoricchio: “Non mi interessa un campionato anonimo. Chi veste questa maglia deve sputare sangue”

E' tra le società più gloriose del panorama dilettantistico bresciano e fino a poche stagioni fa tra le compagini più attrezzate nel campionato di Eccellenza. Al tempo, l'approdo in Serie D sembrava realizzabile. Poi una serie di problematiche, economiche e burocratiche, hanno costretto l'Aurora Travagliato a un'inesorabile discesa, culminata nella scorsa annata con la retrocessione in Seconda Categoria.
Redazione

Restyling Montichiari, la Voluntas fa sul serio con nove acquisti tra cui Treccani. E il mercato sembra non finire qui

La neopromossa Voluntas Montichiari, in attesa del prossimo campionato di Seconda, si rifà il look con nove acquisti che ben testimoniano la volontà di far bene anche nella categoria appena conquistata. Mattia Parrino, fresco di incarico dietro la scrivania dopo l'abbandono del calcio giocato, porta a Montichiari sia giocatori navigati sia giovani in rampa di lancio, con il chiaro intento di presentare a mister Andreoletti un mix equlibrato tra elementi esperti ed altri più “freschi”.
Redazione

Voluntas Montichiari, il futuro della società nel comunicato odierno: "Nessuna fusione, si riparte dalla Seconda con Andreoletti allenatore e Parrino ds. Lo sviluppo del settore giovanile resta la priorità"

Castellana, Rigamonti Castegnato, Bedizzolese, Ciliverghe, addirittura Lumezzane. Le voci di fusione non sono mancate nel corso dell'annata e anzi si sono intensificate nelle ultime settimane. Il comunicato di oggi della società monteclarense smentisce però ogni tipo di soluzione che riguardi l'unione delle forze con altri sodalizi. 
Redazione

Lettere al direttore - Marco Belometti (San Pancrazio) smentisce il giudice sportivo: "Frasi discriminatorie? Niente di vero". Mister Ndiaye lo difende: "Non è il tipo. Io e i miei giocatori non abbiamo sentito nulla"

Una giornata a porte chiuse, un anno di osservazione alla società e 200 euro di multa. Saldo negativo per il San Pancrazio dopo il comunicato di ieri del giudice sportivo, che scrive: "Un gruppo di sostenitori sia nel primo che nel secondo tempo insultavano ripetutamente il direttore di gara. In particolare tra di essi una persona non identificata dall'arbitro che si presentava come il tecnico squalificato oltre agli insulti all'arbitro pronunciava frase discriminatoria nei confronti di un calciatore avversario". Il tecnico è mister Marco Belometti, la squadra avversaria il Foresto Sparso, compagine bergamasca nota per essere composta totalmente da giocatori di colore. Belometti ci ha scritto per negare fermamente le accuse nei suoi confronti. Pubblichiamo di seguito la sua lettera, sostenuta da Bassirou Ndiaye, allenatore del Foresto Sparso.

Redazione

Real Flero campione - Flavio Diana scientifico: "Noi bravi a rimanere in scia per giocarci tutto nello scontro diretto della penultima. A quel punto non potevamo perdere"

Un successo scientifico, studiato e calcolato, ma ottenuto nel momento clou grazie alla passione, al cuore e al talento. Nel campionato portato a termine dal Real Flero c'è stato un po' di tutto. Una corsa a tappe decisa solo "alla terza settimana", sulle montagne, quando l'ossigeno non trova la strada per arrivare a testa e polmoni, quando respirare bene è per pochi. Flavio Diana e i suoi ragazzi, da grandi passisti, sono riusciti a resistere in salita, soffrendo la distanza dal primo posto, ma continuando ad avere contatto visivo coi rivali in fuga, sapendo gestire le proprie forze, centellinandole, per rosicchiare metro su metro ed arrivare quel quid più freschi alla volata. Tagliare il traguardo davanti al rivale per una sola incollatura non dà le stesse emozioni che farlo in solitaria.

Redazione
 

vaia car

transped foot