logo_lnd   Seconda Categoria

Diaspora a Mompiano. 23 giocatori seguono mister Abba Legnazzi e fondano l'Atletico. L'Uso affida la panchina ad Alessandro Bianchi

A Mompiano finisce un'era e ne inizia una nuova, anzi due, in modo atipico. Tutto comincia dalla fine di un matrimonio lungo complessivamente 14 anni, quello tra il club biancorosso e mister Antonio Abba Legnazzi, che scatena un autentico terremoto nello spogliatoio, con 23 giocatori che si presentano davanti al presidente Fasani annunciando il loro desiderio di andarsene, dimostrando assoluta fedeltà al tecnico e al gruppo stesso, pronto a fondare una nuova società: l'Atletico Mompiano, con quella vecchia costretta a ripartire non proprio da zero, ma quasi, in ottica Prima squadra.

Redazione

Mompiano, finisce un'era: Abba Legnazzi esonerato dopo 14 anni. Ora molti giocatori pensano all'addio

Era una delle belle storie che il calcio dilettantistico sa raccontare. A Mompiano, da 14 anni, Antonio Abba Legnazzi era l'essenza della società. Prima come dirigente e membro del consiglio direttivo, poi come allenatore. Una prima esperienza, lunga 7 anni; la seconda, esaltante, nelle ultime 4 stagioni dopo l'esperienza Bontacchio con la promozione in Seconda e la doppia, storica salvezza (più di un mese fa, conquistata ai play out contro il Castelmella). 

L'anno prossimo, tuttavia, non ci sarà più lui sulla panchina dei biancorossi. Una decisione shock che ha turbato la squadra e tutto il paese, motivata dalla società così: "Fratture insanabili". Abba Legnazzi, suo malgrado, lascia il Mompiano. 

Redazione

Ripescaggi, la posizione delle bresciane: Cazzagobornato sesto in Promozione, il Cologne è quella con le speranze maggiori

Le graduatorie ufficiose circolavano già nelle sedi delle società interessate, ma da oggi sono ufficiali le liste per i ripescaggi nei dilettanti. Spicca la discreta posizione del Cazzagobornato per il passaggio in Eccellenza, anche se dovrebbero saltare 5 club (difficile) per garantire ai franciacortini il salto. Quella messa meglio, nel complesso, è il Cologne per brindare alla Prima Categoria. Ma sperano in tante.
 
Ecco la situazione, nel dettaglio:
Redazione

Oliviero Barcellandi smentisce la cessione della Pendolina: "Allibito da ciò che ho letto, Di Loreto ha mostrato un semplice interessamento"

Mercato allenatori e giocatori, fusioni, ipotesi di scenari futuri. Nel mondo del calcio le voci non mancano mai, soprattutto in questo periodo dell'anno. Alle voci però spesso non danno seguito i fatti e così si rischia che da un “sentito dire” venga estrapolata, a volte anche a insaputa delle parti in causa, una notizia ufficiale. 
Redazione

Tempo di bilanci anche in Seconda Categoria: le cinque promosse e le cinque bocciate

Cinque promosse e cinque bocciate anche in Seconda Categoria. Tra le promosse abbiamo scelto, non senza difficoltà, una squadra capace di ottenere il primo posto, una in grado di arrivare al turno regionale playoff, altre tre che hanno a loro modo stupito. Merita una spiegazione più dettagliata la presenza della Quinzanese, preferita ad altre compagini del girone F. Un raggruppamento dove tante squadre hanno fatto meglio in termini di risultati, ma a queste è mancato lo sprint per chiudere in bellezza. La Nuova San Paolo ha gettato alle ortiche un'occasione che potrebbe non ricapitare, Real Flero, Montirone e Castenedolese erano partite con velleità da titolo e, pur chiudendo con onore, non sono riuscite a sfruttare al meglio le evidenti qualità. Bene il Lograto, al quale abbiamo però preferito il percorso di un grande Cologne. Tra le bocciate, un ultimo posto, una squadra retrocessa ai playout e tre delusioni. Ecco le nostre scelte:
Redazione

Titoli provinciali Seconda e Terza: si impongono Saiano e Cividate Camuno, per questi ultimo servono i rigori contro l'Or.Lograto

Nel lungo sabato del calcio provinciale, caratterizzato da calcio femminile, play off d'Eccellenza, finali Bresciaoggi Pulcini-Esordienti e i play off degli Allievi della Feralpisalò, la serata è stata caratterizzata dai triangolari per l'assegnazione del titolo provinciale di Seconda e Terza Categoria.

A Bovezzo, dove si assegnava il titolo tra le promosse in Prima, si è imposto il Saiano battendo sia Bovezzo sia Verolavecchia; i padroni di casa sono giunti secondi grazie alla vittoria contro i bassaioli. A Castegnato, dove si sono date battaglia le vincitrici di Terza, appassionante duello tra Cividate Camuno e Oratorio Lograto che ha premiato i primi ai rigori, nella partita finale, dopo che entrambe si erano sbarazzate largamente del Toscolano.

Redazione

Finali play off: Cividatese-Cologne ci sarà, i bergamaschi hanno perso la finale di Coppa ai rigori. Domenica 15 altre 3 finali già designate

Tre finali sono già programmate per domenica 15 maggio e, se per la Terza Categoria sarà l'ultimo atto a prescindere, per chi gioca in Seconda passare i play off del proprio girone è solo un passo, pur significativo, nella marcia verso la Prima. Ci sarà poi un ulteriore turno regionale il 22 maggio, seguito da quello decisivo la settimana successiva. La notizia del giorno arriva dalla Cividatese, impegnata ieri sera nella finale di Coppa Lombardia contro lo Sporting Valentino Mazzola che si è imposto 7-6 ai calci di rigore.

Redazione

Bovezzo campione - L'emozione di capitan Savoldi, l'orgoglio di mister Venturini: "Noi fuori giri tutto l'anno, bravi i ragazzi a rimanerci fino alla fine"

Dalla Juniores Regionale alla prima squadra, da un -34 dalla prima in classifica a un +2 sulla seconda. Nessuno dei tesserati vuole più che li si appelli come "sorpresa", ma non pensiamo di fare torto a nessuno nel dire che non era poi tutto chiaro fin dall'inizio. Il Bovezzo ha vinto meritatamente il girone E di Seconda, da domenica è in festa, sostenuto da un gruppo di tifosi che paiono ultras, e sabato si giocherà il titolo provinciale nel triangolare con Verolavecchia e Saiano. Se riavvolgiamo il nastro ad inizio stagione, tuttavia, i punti interrogativi superavano quelli esclamativi, è un dato di fatto.

Redazione
 

bsnews

transped foot