Identiquota, puntata numero 20: Stefano Stagnoli

Redazione
Dal Trentino con furore. Non deve essere stato semplice per Stefano Stagnoli calarsi nella nuova realtà, ma domenica il portiere del Prevalle ha dimostrato come mai la società valsabbina ha puntato forte su di lui.
 
Grande partita contro il San Lazzaro, seconda forza del campionato, con una serie di interventi decisivi che hanno permesso di tenere inviolata la sua porta. I margini di crescita sono ancora enormi, ma per un portiere che ha avuto nel settore giovanile maestri di spessore le basi attuali sono già significative. 
 
Nome: Stefano
Cognome: Stagnoli 
Nato il: 20/07/98
A: Tione di Trento 
Nazionalità: italiana 
Residenza: Storo (Tn) 
Professione: elettricista 
Altezza: 1,79 m
Peso: 71 kg
Piede: destro 
Il momento dell'innamoramento: primo hanno di asilo 
Da bambino sognavo di: diventare calciatore professionista 
Il gesto tecnico preferito: parata con la mano di richiamo 
Devo migliorare in: uscite alte 
Settore giovanile: Calciochiese e Feralpisaló
L'allenatore nel settore giovanile da cui ho imparato di più: Alessandro Violini e Mauro Rosin 
Esordio in prima squadra: a 18 anni in Eccellenza con il Calciochiese 
Carriera in prima squadra: Calciochiese, Prevalle 
La parata più bella da quando giochi: l'anno scorso parai un rigore all'ultimo secondo che ci permise di vincere la partita 1-0
Ruolo: portiere 
Squadra del cuore: Milan 
Il momento più bello da tifoso: la vittoria della Champions League nel 2007
Fonte di ispirazione: Neuer 
In campo assomiglio a: Keylor Navas
La canzone che mi carica prima della partita: Not afraid, Eminem
Scarpe da calcio che indossi: Adidas 
Piatto preferito: pizza 
La macchinata ideale: Giuseppe Boldini, Guglielmo Morelli,  Matteo Ghidinelli, Davide Ravelli 
Cena a lume di candela con: la mia ragazza 
La partita che non dimenticheró: prima partita con gli Allievi Nazionali della Feralpisalò contro l'Inter. Vittoria uno a zero e diverse parate importanti da parte mia
Il senatore bastonatore: Marco Zaninelli 
L'Identiquota che consiglio: Guglielmo Morelli
 

oscar foot

transped foot