La Calvina recrimina ma perde ancora: nel posticipo vince il Crema 1-0

Redazione

Terza partita e terza sconfitta. Il campionato della Calvina inizia in salita e il "Voltini" di Crema si conferma amaro per le bresciane: dopo l'1-0 al Ciliverghe della prima giornata, i bianconeri battono nel monday night la squadra di Serafini con il medesimo punteggio.

 

Non una bella partita quella vista nel posticipo serale che chiude la terza del girone D di Serie D. Mister Serafini sorprende lanciando dal primo minuto Turlini esterno basso destro e Veneziani esterno alto sinistro, aggiungendo la fisicità necessaria per affrontare un avversario che porta un tonnellaggio importante sul terreno di gioco. Scelta azzeccata, perché la gara è soprattutto fisica; il 3-5-2 di Tacchinardi si poggia sul dominio atletico di Fall e su quello tecnico di Pagano, ma per il resto non si vede una proposta di gioco all'altezza di una squadra che ha la dichiarata volontà di lottare per la Lega Pro. Di contro la Calvina occupa bene il campo, si fa trovare vigile ed ordinata, senza nessun timore reverenziale, né l'ansia degli 0 punti in classifica.

 

Dopo 45 minuti di tanta garra e poco calcio, l'episodio che decide l'incontro. Recino, già ammonito (per una simulazione nell'area cremasca: il contatto c'era stato, anche se non da rigore, a noi è sembrata una punizione esagerata), si scontra a metà campo con un avversario: entrambi i calciatori vanno a terra ed il signor Di Nosse non solo dà il fallo al Crema, ma estrae il secondo cartellino per la punta milanese, espellendolo. La panchina calvisanese insorge ma la decisione è presa. Da quello stesso calcio piazzato, a tempo ampiamente scaduto, Pagano pesca dal cilindro una conclusione volante che si insacca all'angolino. Mentre la palla entra in rete, l'arbitro fischia la fine della prima frazione.

 

L'aspetto più positivo dell'intera gara è l'atteggiamento con cui i giocatori in maglia celeste tornano sul terreno di gioco. Non c'è spazio per le proteste, l'impatto psicologico dell'epilogo del primo tempo è contenuto, risalta invece la determinazione e l'ordine tattico con cui gli ospiti vanno alla caccia del pari. Il Crema avrebbe le condizioni favorevoli per chiudere il match, ma per tutti i 45' si accontenta di aspettare la fine e mantenere lo status quo. Filosofia pericolosa, perché anche in 10 la Calvina riesce a costruirsi delle occasioni. Le più importanti: una girata al volo di Delcarro che finisce alta di un soffio e una precisa punizione di Meduri deviata in angolo con un gran tuffo da Zanellato. Serafini butta dentro anche Bittaye, alla prima ufficiale dopo l'infortunio allo scafoide, ma il fortino cremasco tiene. Sul finire della partita anche un'ininfluente espulsione per Serafini. Termina così 1-0, un risultato amaro, beffardo, deciso di fatto da un episodio che farà molto discutere. Domenica prossima a Desenzano arriva il Mezzolara: necessario invertire la rotta e mettere da parte i primi punti della stagione.

 

Intervistato a fine gara, Matteo Serafini commenta così: «L'espulsione di Recino ha pesato enormemente sul risultato. Eravamo molto vicini all'azione, il fallo doveva essere fischiato a nostro favore, l'arbitro ha addirittura ammonito ed espulso. In tutta la partita abbiamo preso un gol e un colpo di testa su palla inattiva, per il resto il nostro portiere non ha fatto altre parate. Abbiamo concesso due cross al Crema, abbiamo retto fisicamente e avuto alcune occasioni per colpire, anche in inferiorità numerica, di meglio era difficile fare. Un giorno spero girerà anche la fortuna. Ci rode parecchio, ma in queste tre prime partite abbiamo affrontato squadre che faranno un campionato diverso dal nostro; domenica col Mezzolara la prima gara con un avversario che ha i nostri stessi obiettivi: il nostro campionato inizierà da lì».

 

IL TABELLINO

 

Crema - Calvina 1-0

CREMA (3-5-2): Zanellato; Grea, De Angeli, Giosu; Kouadio (21' st Corioni), Fusi (6' st Geroni), Porcari, Pignat, Palla (14' st Corna); Pagano, Fall. (Trapani, Missaglia, Campisi, Rovido, Minutillo, Ferrari). Allenatore: Alessio Tacchinardi.

CALVINA (4-3-3): Garletti; Turlini, Chiari, Sorbo, Broli; Delcarro (43' st Baronio), Meduri (36' st Crema), Brunelli; Bracaletti (21' st Bittaye), Recino, Veneziani (10' st Gbelle). (Sellitto, Gregorio, Zanolla, Pellegrini, Maffiioletti). Allenatore: Matteo Serafini.

ARBITRI: Di Nosse di Nocera inferiore; Minichiello di Ariano Irpino e Savino di Napoli.

RETI: pt 49' Pagano.

NOTE: espulso Recino al 46' pt per doppia ammonizione; espulso Serafini al 45' st per proteste. Ammoniti: Grea, Porcari e Fusi; Chiari, Recino e Veneziani. Recupero: 4' e 3'.

 

Banner Transped articoli

bsnews