Corini esonerato. L'ufficialità con un comunicato glaciale. Quattro nomi per il futuro

Redazione

"La società Brescia Calcio comunica l’esonero del tecnico Eugenio Corini"Una frase, undici parole.

 

Nemmeno un grazie da parte della società, come tradizione vuole, per chiunque abbia operato alla guida tecnica di una squadra. Nemmeno un briciolo di inchiostro in più per omaggiare chi ha riportato le Rondinelle il Serie A dopo otto anni di cadetteria.

 

La freddezza regna sovrana nella notte tra il 3 e il 4 novembre, in cui il club di Massimo Cellino ufficializza tramite sito web l'addio al suo tecnico. Il sostegno della piazza al mister di Bagnolo non è bastato. Il nostro sondaggio, lanciato nell'immediato post partita di Verona - Brescia, presentava un andamento eloquente in queste prime ore di sollecitazione del "sentimento popolare". In circa 6 ore un campione rilevante di circa 1500 lettori di Calciobresciano.it, infatti, si era espresso nettamente dalla parte di Corini. Il 77% dei bresciani riteneva opportuno proseguire il cammino con il condottiero della promozione in A, magari aggiustando la rosa nel mercato di riparazione.

 

"Se l'è sempre giocata con tutti, sistemiamo la squadra e andiamo avanti con Eugenio" era il punto di vista maggiormente diffuso in queste ore. Cellino la vede diversamente e dopo la flebile fiducia a tempo garantita nonostante la sconfitta con l'Inter non ha digerito l'immediato ko del Bentegodi, il settimo in questa prima parte della stagione, in cui la sua squadra ha collezionato 7 punti che valgono, ad oggi, il penultimo posto in classifica.

 

Per la successione in pole position sembra esserci Diego Lopez, ex Cagliari sia nei panni di giocatore sia in quelli di allenatore. Le alternave principali sono Cesare Prandelli, il cui nome era circolato anche nei giorni scorsi, Davide Nicola e Fabio Grosso.

 

 

 

 

Banner Transped articoli

bsnews