A Novara il Brescia crolla in dieci minuti. Boscaglia di nuovo al capolinea?

Redazione
Un primo tempo positivo, poi un avvio da incubo nella ripresa che costa caro.
 
Altro ko per il Brescia, che dopo lo scivolone di Perugia perde anche a Novara e torna in piena bagarre salvezza. Davvero un peccato, perchè nella prima frazione le Rondinelle danno idea di essere squadra viva e sul pezzo passando addirittura in vantaggio. Tonali pesca l'inserimento di Bisoli, il centrocampista classe 1994 batte Montipò in uscita.
 
Tutto vanificato nella ripresa, a causa di due incertezze difensive che Puscas e Sansone sfruttano con cinismo. Il Brescia non si arrende e tutto sommato mostra una reazione, ma nemmeno i nuovi entrati trovano la stoccata decisiva. Boscaglia ora è di nuovo a rischio. Per la successione, oltre a Ivo Pulga (presente stasera sugli spalti del “Piola”) spunta il nome di Gianluca Festa. Sabato arriva la Cremonese al “Rigamonti”. Chi siederà in panchina?
 
 
NOVARA-BRESCIA 2-1 (32' Bisoli, 49' Puscas, 58' Sansone)
 
Novara (4-4-2): Montipò; Golubovic, Troest, Chiosa, Calderoni; Moscati, Orlandi, Casarini, Di Mariano (90' Sciaudone); Puscas (83' Maniero), Sansone (72' Dickmann). All. Di Carlo
Brescia (4-4-2): Minelli; Coppolaro, Somma, Gastaldello, Longhi (82' Spalek); Bisoli, Martinelli (73' Furlan), Tonali, Embalo; Torregrossa, Okwonkwo (54' A. Caracciolo). All. Boscaglia
Ammonitit: Orlandi, Coppolaro, Okwonkwo, Troest, Embalo, Casarini
 

banner assicurazione bottom

transped foot