Premi   Calciomercato

Serie D: a Darfo Nicolini vuole ricostruire la Rudianese. Vicino il ritorno di Stefano Chiari a Palazzolo

lorenzi_top11

La Rudianese di Aldo Nicolini era una gran bella squadra. Alessio Baresi e Stefano Lorenzi, su tutti, gli uomini chiave di un gruppo che si è salvato due volte sfiorando i play off in serie D. Ecco perchè ora, a Darfo, il nuovo tecnico vorrebbe ricreare almeno in parte l'atmosfera di quel gruppo.

Molto probabile la conferma di Alessio Baresi, che in Vallecamonica ha già giocato questa stagione, alla casella bomber il preferito è proprio Stefano Lorenzi, fresco di matrimonio (festeggiate sabato, auguri) e con il telefonino acceso anche durante il viaggio di nozze.

A Montichiari, il budget ristretto con cui Stefano Bonometti - che studia diversi giovani interessanti e prova a convincere Filippini (Pergolettese) al ritorno - dovrà operare non consente di poterlo trattenere. E un attaccante da doppia cifra come lui fa gola a molti.

 

Redazione

Mercato, Travagliato scatenato: quasi fatta per Slanzi e Bosetti, sogni Romanini e Cantoni (ma il Rezzato è in vantaggio)

slanzi

L'Aurora Travagliato, insieme al Ciliverghe, si candida ad essere la squadra faro tra le bresciane d'Eccellenza l'anno prossimo. Non solo per "curriculum". I primi investimenti lasciano pensare che, stavolta, si voglia puntare con forza alla serie D dopo averla sfiorata per due anni consecutivi, tra il 2010 e il 2012.

Dopo il ritorno di Davide Onorini in panchina, sono già pronti i primi importanti tasselli per impreziosire la rosa. Arrivano entrambi dal super Palazzolo di quest'anno, è quindi gente già preparata a vincere. Al 95%, Marco Slanzi e Alessandro Bosetti saranno i perni del centrocampo delle Furie Rosse, che per la difesa si sono cautelati con le conferme pesanti di Frusconi tra i pali e Bakayoko in difesa. 

L'empasse a Palazzolo, per i due pupilli di Zobbio, che li ha rigenerati dopo alcune stagioni non esaltanti consacrandoli definitivamente, ha aiutato il Travagliato a far partire l'offensiva. E non è finita qui...

 

Redazione