Brescia, cercasi esperienza. Occhi su Abate e testa al centrale

Redazione

Prima l'arrivo di Balotelli, poi il sogno Marchisio ormai sfumato, ora il Brescia sta valutando nuovi profili di rilievo per rinforzare ulteriormente la rosa innalzandone il tasso di esperienza.

 

Secondo le ultime indiscrezioni di mercato si starebbero intensificando i contatti con un altro svincolato di prima fascia: Ignazio Abate. Il terzino destro, classe '86, ha il curriculum in linea con le necessità della Leonessa, alla ricerca di profili che possano mettere a disposizione della squadra non solo il loro bagaglio tecnico, ma anche carisma e personalità.

 

L'ex Milan vanta 292 presenze in Serie A, 45 nelle competizioni internazionali e 22 gettoni in azzurro. Numeri importanti, che farebbero comodo al Brescia. La strada davanti al presidente Cellino potrebbe, potenzialmente, essere spianata, complice l'appoggio di Mino Raiola (procuratore di Abate reduce dall'affare Balotelli) e la possibilità per il giocatore di proseguire la  carriera a una manciata di chilometri dalla "sua" Milano.

 

Alla voce nuovi innesti, tuttavia, in cima alla lista dei pensieri della dirigenza biancoblù c'è la ricerca di un difensore centrale di spessore, un vero leader per il pacchetto arretrato. Nei giorni scorsi è circolato il nome di Benatia, ma gli oltre 4milioni di ingaggio percepiti all'Al Duhail rappresentano uno scoglio impossibile da superare. Anche Ogbonna costa caro (8 milioni di cartellino e 2,5 di ingaggio). Decisamente più abbordabile Paletta, svincolato ma corteggiato con convinzione dal Parma. 

 

banner assicurazione bottom

bsnews