Prima: Gussago vicino all'obiettivo, la Verolese ferma la capolista, delusione Castegnato

Redazione
Tempo di borsino per le squadre di Prima Categoria. Diviso per ogni categoria, il nostro borsino analizza le dinamiche delle formazioni bresciane già nelle ore successive alle partite della domenica. Dividiamo le squadre prescelte in conferme, sorprese, delusioni. Queste le nostre relative all'ultimo turno:
 
LA CONFERMA: Gussago
 
Senza fronzoli o giri di parole, il Gussago da ormai qualche stagione si presenta ai nastri di partenza con un obbiettivo ben chiaro, quello di una salvezza il più tranquilla possibile. Non è ancora matematica, ma anche per quest'anno i biancorossi sembrano poter mantenere la categoria con largo anticipo. La vittoria sullo S.C. Brescia consente di aumentare in maniera netta il divario sulla zona calda, un vantaggio difficilmente colmabile per le altre a sei giornate dal termine. Chapeau.
 
LA SORPRESA: Verolese
 
Da un lato la soddisfazione per aver fermato la corazzata del campionato, dall'altro il rammarico per quello che poteva essere e non è stato. L'1-1 nel confronto con il Castiglione, maturato in casa su un campo ai limiti dell'impraticabilità, è da considerarsi positivo, ma testimonia indubbiamente che la posizione in classifica non rispecchia il reale potenziale della squadra bassaiola. L'alibi di alcuni infortuni importanti non va dimenticato, ma con un po' più di convinzione c'erano forse gli estremi per partecipare comunque nella bagarre playoff. A preoccupare, più che il raggiungimento del quinto posto, è il -20 dal Marmirolo secondo. Difficile rientrare nei giochi, ma la Verolese ha dato prova di esserci.
 
LA DELUSIONE: Castegnato
 
Era un appuntamento da non fallire, invece i franciacortini non sono andati oltre il pari sciupando una ghiotta occasione per superare Navecortine e Nuova Valsabbia e avvicinarsi alla salvezza diretta. Contro una squadra ormai spacciata serviva maggiore grinta e intensità, caratteristiche che la compagine di Oliviero Barcellandi non è riuscita a portare in campo e anzi va ringraziato l'attaccante De Marmels per essersi inventato il gol dell'1-1 che ha evitato il peggio. La lotta per la salvezza era già di per sé complicata, dopo il passo falso con l'ultima in classifica lo diventa ancora di più. Adesso il Castegnato si gioca tutto: giovedì il recupero a Lograto, poi le gare casalinghe con Navecortine e Bovezzo. Saranno sette giorni di fuoco.
 

stands

transped foot