Eccellenza, le Sentenze dopo la 13^ giornata

Redazione
 
Parte una nuova rubrica di analisi e approfondimento dopo ogni giornata.
 
Tre sentenze per ogni categoria, tre considerazioni derivanti da quanto visto e successo nell'ultimo turno relative ai singoli o alle squadre. Cercheremo di esaltare aspettivi positivi, ma basandoci su risultati e numeri anche qualche considerazione “negativa” potrà essere negativa. Le tre sentenze della settimana in Eccellenza:
 
IL LUMEZZANE NON SI FERMA PIU'
 
Implacabile e spietato, anche nello scontro al vertice con la Bedizzolese. Il Lumezzane non si ferma più e continua il momento d'oro che dura ormai dal 20 ottobre. Solo vittorie in un mese e mezzo, ad eccezione del pareggio casalingo con il Prevalle. Il passivo finale (4-1) penalizza forse un po' troppo la formazione di Valotti, come sempre ostica e difficile da affrontare, ma arginare la forza d'urto dei valgobbini è davvero difficile. Vedremo come la Bedizzolese, che resta seconda ma ora a -5, reagirà, di sicuro quello inflitto ieri è un duro colpo a una delle rivali dirette. 
 
IL VOBARNO NON SI SMENTISCE IN TRASFERTA
 
Ha dell'incredibile il rendimento esterno dei valsabbini fin qui. Sconfitta al debutto esterno sul campo del Castiglione, poi solo vittorie. In ordine cronologico sono Darfo Boario, Atletico Chiuduno Grumellese, Ghedi, San Lazzaro, Valcalepio e ultima domenica l'Offanenghese le squadre cadute tra le mura amiche contro la compagine prima di Caldera ora di Russo. Un rendimento unico nella categoria, che fa da contraltare invece al pessimo cammino in casa, con soli due punti conquistati in otto partite. Numeri davvero particolari che stanno comunque permettendo al Vobarno di disputare un campionato di buon livello.
 
NON ARRIVA LA SCOSSA IN CASA CAZZAGOBORNATO
 
Un approccio negativo che ha condizionato l'intera partita. Due gol incassati nei primi venti minuti, l'espulsione di Farimbella (parsa eccessiva) alla mezz'ora. Per il CazzagoBornato la sfida casalinga con la Governolese poteva rappresentare una buona occasione per mettere punti in cascina, così non è stato e la classifica resta deficitaria. I franciacortini, ormai è chiaro, dovranno lottare con le unghie e con i denti per centrare una salvezza che a oggi non appare scontata. Servirà una reazione soprattutto caratteriale nelle ultime due partite dell'anno per sistemare una situazione al momento precaria.
 

Banner Transped articoli

bsnews