logo app store
logo google play
logo facebook
logo twitter
logo logo cbs cuore
  • Saliscendi

terzotempo evidenza

Promozione, il borsino: Ome tra le grandi, il Dor si redime, il Rodengo continua a faticare

Tempo di borsino per le squadre di Promozione. Diviso per ogni categoria, il nostro borsino analizza le dinamiche delle formazioni bresciane già nelle ore successive alle partite della domenica. Dividiamo le squadre prescelte in conferme,sorprese,delusioni. Queste le nostre relative all'ultimo turno:
 
LA CONFERMA: Ome
 
Le stagioni delle neopromosse vanno giudicate alla fine, ma a fine girone d'andata già si può trarre un bilancio. E il successo netto in casa della Dak certifica che la squadra di Zanotti può affrontare il ritorno con serenità, consapevole di avere trovato continuità nelle prestazioni e forte di una classiifca confortante. Ad oggi sarebbero play off, traguardo da mantenere con forza ancora maggiore da gennaio in poi, ma la base è solida e saranno tra i pochi a non dover intervenire nel mercato invernale. Dove corregge chi ha sbagliato in estate. Loro di errori non ne hanno fatti.
 
LA SORPRESA: Real Dor
 
L'11 settembre è una data che in diverse circostanze ha visto eventi di notevole portata per la storia dell'umanità, in casa Real Dor rappresentava inoltre il giorno in cui era maturata la prima e unica vittoria in campio. Esattamente tre mesi dopo, i cittadini tornano a conquistare i tre punti superando di misura il Coccaglio. Esordio migliore per Barcellandi in panchina non poteva esserci, perchè l'affermazione di ieri consente di affrontare la sosta con maggiore serenità e tornare a credere quantomeno in un posizionamento nei playout. Vera e propria boccata di ossigeno.
 
LA DELUSIONE: Rodengo Saiano
 
Non riesce invece a svoltare la squadra affidata proprio a Barcellandi a inizio stagione. Contro la Verolese, in uno scontro diretto da non fallire, arriva un amaro ko che condanna i franciacortini al penultimo posto, un posizionamento che indubbiamente non rispecchia il reale valore dell'organico. I dati inchiodano soprattutto la fase offensiva. Il Rodengo, a parte nella vittoria a Prevalle della seconda giornata, non ha mai segnato più di un gol nella stessa partita e nelle ultime sei giornate ha siglato soltanto un gol, tra l'altro su rigore. Al rientro dalla pausa ci sarà la sfida con il Real Dor, delicata per la classifica e per gli incroci che presenta. Fallire ancora sarebbe disastroso.
 
LA CONFERMA: Breno
 
Punto sofferto, ma di assoluta qualità contro la Bassa Bresciana, formazione arrabbiata visto gli ultimi risultati e non entusiasmanti e forse per questo ancora più complicata da affrontare. La rabbia dei bassaioli si è vista nei primi minuti, con una rete realizzata poco dopo il decimo minuto, poi con il passare del tempo i camuni hanno preso le misure e disputatato una gara tutto sommato alla pari. Il gol del prezioso pareggio è avvenuto quando non mancava molto al triplice fischio finale, chiaro segno di come ai granata carattere e voglia di non arrendersi mai non manchino. La squadra di Giorgi è in netta crescita.
 
LA SORPRESA: Real Dor
 
L'11 settembre è una data che in diverse circostanze ha visto eventi di notevole portata per la storia dell'umanità, in casa Real Dor rappresentava inoltre il giorno in cui era maturata la prima e unica vittoria in campio. Esattamente tre mesi dopo, i cittadini tornano a conquistare i tre punti superando di misura il Coccaglio. Esordio migliore per Barcellandi in panchina non poteva esserci, perchè l'affermazione di ieri consente di affrontare la sosta con maggiore serenità e tornare a credere quantomeno in un posizionamento nei playout. Vera e propria boccata di ossigeno.
 
LA DELUSIONE: Rodengo Saiano
 
Non riesce invece a svoltare la squadra affidata proprio a Barcellandi a inizio stagione. Contro la Verolese, in uno scontro diretto da non fallire, arriva un amaro ko che condanna i franciacortini al penultimo posto, un posizionamento che indubbiamente non rispecchia il reale valore dell'organico. I dati inchiodano soprattutto la fase offensiva. Il Rodengo, a parte nella vittoria a Prevalle della seconda giornata, non ha mai segnato più di un gol nella stessa partita e nelle ultime sei giornate ha siglato soltanto un gol, tra l'altro su rigore. Al rientro dalla pausa ci sarà la sfida con il Real Dor, delicata per la classifica e per gli incroci che presenta. Fallire ancora sarebbe disastroso.

Liceo-Calvesi

  • 1
  • 2
  • 1
  • 2