logo app store
logo google play
logo facebook
logo twitter
logo logo cbs cuore
  • Saliscendi
  • 1
  • 2

Lettere al direttore - Pozzolengo, mister Ariassi non ci sta: "Noi delusione? Vi spiego come stanno le cose". Poi la precisazione: "L'obiettivo non è il ritorno in Prima"

Di seguito pubblichiamo la lettera al direttore ricevuta dal tecnico del Pozzolengo Alessandro Ariassi, che fa il punto sulla situazione della sua squadra e critica la nostra decisione di collocarla tra le delusioni di categoria del Saliscendi della settimana scorsa. Accettiamo, come sempre, le critiche e diamo spazio alle opinioni di tutti. Cogliamo tuttavia l'occasione per ricordare a dirigenti, allenatori e giocatori che questa rubrica non giudica la stagione di una squadra, ma prende atto delle oscillazioni derivanti dall'andamento dei risultati del weekend o delle settimane immediatamente precedenti.

E' una rubrica strettamente connessa al presente e al passato recente, che non compie sguardi globali sul cammino di una squadra, sui progetti societari o sulle dinamiche di campo, argomenti trattati in altre pagine. E' una sorta di "borsa calcistica bresciana", che si basa in modo certamente spietato sui risultati, conditi dalla visione libera da condizionamenti e personale dei nostri redattori. La specifica era d'obbligo, non in riferimento all'opinione di mister Ariassi del Pozzolengo, ma a seguito di svariate segnalazioni che abbiamo ricevuto in questi mesi, dopo le quali abbiamo ritenuto necessario fare chiarezza.

Egregio Direttore,

mi permetto di scriverLe in relazione alla rubrica Saliscendi apparsa sul suo sito riguardante la squadra Pozzolengo Calcio di Seconda  categoria, da me allenata. Alleno il Pozzolengo da 4 mesi e quando mi è stato affidato il compito il programma societario è stato ben chiaro, prima di tutto il consolidamento di categoria. Cosa ho trovato a Pozzolengo?

Dopo tutte le retrocessioni i problemi sono tanti: ambiente depresso, rosa da ricostruire, mancanza di una juniores come serbatoio per la prima squadra eccetera. Il direttore sportivo si è messo al lavoro e per il 21 agosto mi ha messo a disposizione una rosa di 20 giocatori di cui 14 nuovi tra mille difficoltà. Primo obiettivo costruire uno spogliatoio, non facile da fare nel mondo del calcio, ma base indispensabile di partenza.

Tra le difficoltà emerse: squalifiche, infortuni (cosa normali in un campionato di calcio ma messe in preventivo) non sempre affrontiamo la partita della domenica con tutti gli effettivi a disposizione. Un dato: su 19 partite ufficiali mai dico mai la stessa formazione non per scelta mia. Ovvio ne abbiamo perse 6... Definendo delusione il Pozzolengo però mi permetto di dire che avete preso un abbaglio colossale.

Avendo visto tutte le squadre del girone ricordo a chi ha fatto l'articolo che non è obiettivo del Pozzolengo andare in Prima categoria in questa stagione per una serie di motivi. Quindi quanto scritto è completamente fuori luogo. Ricordo altresì che la società Pozzolengo è una Polisportiva, e da qualche settimana il settore calcio ha un nuovo presidente. Se cambieranno gli obiettivi lo vedremo. Attualmente nel momento in cui Le scrivo non mi pare.

 Alessandro Ariassi

Per inviare la tua lettera al direttore su qualsiasi argomento legato al mondo del calcio bresciano Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

  • 1
  • 2
  • 1
  • 2

Liceo-Calvesi