Brescia, con il Perugia arriva il primo squillo in campionato

Redazione

Due partite, quattro punti, zero gol subiti. La partenza in Serie B - da neopromosse - del Brescia Calcio Femminile genera entusiasmo e testimonia che il lavoro di mister Simone Bragantini è incanalato nella giusta direzione. Il successo per 2-0 sul Perugia ottenuto oggi al "Comunale" di Rodengo Saiano vale un pochino più di 3 punti.

 

Sì perché al di là dei risultati, che mai sono necessariamente sinonimo di merito, le Leonesse dimostrano settimana dopo settimana di essere sul pezzo rispetto al progetto tecnico imbastito dallo staff. Gioco propositivo, pensiero positivo a partire dal portiere (che per inciso oggi era la deb Gilardi, 16 anni), voglia di imporsi con qualsiasi avversario: non obiettivi velocemente raggiungibili, servirà tempo, ma si sta già vedendo più di un indizio della bontà delle idee.

 

Non una partita scintillante, soprattutto nel primo tempo, nel quale le biancoblu faticano ad entrare. Il gol dell'1-0, siglato sull'asse Merli (Luana ci prova, Cristina ci riesce), rompe il ghiaccio e mette le padrone di casa nelle migliori condizioni per affrontare il resto del match. Con l'andare dei minuti il Brescia cresce, le occasioni si moltiplicano nel secondo tempo, anche se il punto del 2-0 viene messo a referto solo nel recupero, con la firma di Ronca. Dopo lo 0-0 di Vicenza, il 2-0 col Perugia spinge Brayda e compagne al secondo posto in B, con la sola Riozzese a punteggio pieno.

 

A Rodengo l'entusiasmo era alto anche perché, dopo il via libera del Governo, lo stadio era aperto ad un buon gruppo di tifosi; è lo stesso allenatore bresciano a mettere il focus su questo punto: «Dedichiamo questa vittoria, oltre che ai nostri tifosi che sono accorsi numerosi con così poco preavviso e che non ci fanno mai mancare il loro sostegno, a tutta la terra bresciana. Ricordiamoci che siamo usciti da un brutto momento e il calcio ci aiuta sicuramente a superarlo e a guardare al futuro con un po’ più di serenità. Mi ha fatto naturalmente piacere sentire il calore e il sostegno dei nostri tifosi con i loro cori, il loro incitamento che ci spinge tantissimo a dare sempre quel qualcosa in più».

 

Tra le note più liete di giornata l'esordio di Aurora Gilardi, classe 2004 e tanta personalità da esprimere, oltre che un intervento fondamentale per la vittoria: «Sono contenta di aver avuto la fiducia del mister per giocare questa partita. E poi la parata fa parte del gioco. In questi tre anni a Brescia ho fatto grandi progressi, però ho ancora tanto da migliorare. Oggi siamo state brave a trovare il vantaggio abbastanza presto, poi a gestire la manovra e la situazione. Direi che il risultato è giusto».

 

Prossimo impegno la Coppa Italia TimVision, contro la Lazio. C'è tutto per nutrire grande fiducia.

 

Brescia - Perugia 2-0
 
BRESCIA (3-5-2): Gilardi; Brevi, Locatelli, Galbiati; Viscardi (1' st Farina), Barcella (20' st Magri), Previtali, Assoni (40' st Massussi), Merli Cristina (32' st Ghisi); Merli Luana, Brayda (20' st Ronca). (Meleddu, Verzeletti, Capelloni, Pasquali). Allenatore Bragantini.
PERUGIA: Bayol; Serluca, Orsi, Piselli, Massa (13' st Gwiazdowska), Di Fiore, Timo, Asta, Tola (28' st Accettoni), Federiconi (20' st De Monaco), Angori. (Viola, Bortolato, Urso, Ciferri). Allenatore Mancini.
Arbitro Di Nosse di Nocera Inferiore. 
RETI: pt 17' Merli Cristina; st 51' Ronca.
NOTE: ammonite Timo (P), Federiconi (P).
 
 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk