Nodari: "Il Prevalle deve crescere conservando prospettive di alto livello"

Redazione
 

"Sarà una stagione particolare, idem l'approccio ad essa. Non abbiamo ancora date e certezze su promozioni e retrocessioni, ma dobbiamo comunque programmare. La parola d'ordine per noi era e resta crescere".

 

Il direttore sportivo del Prevalle Pierpaolo Nodari inquadra così la fase che stanno attraversando i biancorossi. "Quella che ci aspetta sarà un'annata di transizione per il calcio bresciano. Noi, tuttavia, vogliamo conservare prospettive di alto livello. Il ridimensionamento post Covid sarà generale, ma questo non significa che non si possa fare bene".

 

 

C'è un progetto, insomma, e il club del presidente Giuseppe Mora intende portarlo avanti. "Fusioni? Assolutamente no. Cammineremo con le nostre gambe, desiderosi di ripartire con un piglio diverso rispetto alla passata stagione, in una categoria che ormai conosciamo. Abbiamo compreso i nostri limiti e cercheremo di limarli. Le ambizioni non mancano".

 

 

La conferma di mister Aldo Nicolini è ormai dietro l'angolo: "Siamo ai dettagli, il futuro sarà certamente insieme. C'è soddisfazione reciproca. Qui ha insegnato calcio, ha dimostrato disponibilità e competenza. Siamo molto soddisfatti di lui".

 

Quanto alla rosa si attendono le decisioni federali in merito all'età delle quote, ma Nodari ha già le idee chiare: "Il nostro sarà un mercato oculato, fatto di ritocchi. L'unica scelta strategica andrà presa sui giovani, ma è ancora presto".

 

La certezza è tutta in quel desiderio fortissimo di tornare sul campo: "Quando sei impegnato a 360 gradi non te ne accorgi, ma restare senza calcio così a lungo ci ha fatto comprendere la sua importanza. È mancato molto, anche se visto ciò che abbiamo passato la testa è stata per parecchio tempo su altri aspetti prioritari. Speriamo di poter tornare presto a vivere di sfide".

 

A medio termine quella del Prevalle si chiamerà Serie D: "L'approdo nella massima categoria dilettantistica è nei piani della società, non lo nascondiamo. Ora però dobbiamo lavorare solamente per essere competitivi in Eccellenza e strutturarci, passo dopo passo, per un salto di qualità che è nei nostri desideri".

 

 

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk