Stankevičius a Lumezzane per riscoprire la bellezza del calcio

Redazione

Il Lumezzane VGZ ha avviato da due giorni un nuovo capitolo della sua storia, legandosi ad una figura molto conosciuta dal calcio nostrano, l'ex Rondinella Marius Stankevičius.

 

Il lituano, classe 1981, arriva in Valgobbia per occupare il posto di capo allenatore della prima squadra, attualmente inserita nel girone C del campionato 2020-2021 di Eccellenza. Accanto a lui i collaboratori Alberto Simonelli e Mauro Rosin. Stankevičius aveva chiuso la carriera calcistica due stagioni fa, a Crema, passando immediatamente dal campo alla panchina della squadra rossonera. Il nativo di Kaunas ricopre e ricoprirà ancora il ruolo di vice allenatore della nazionale della Lituania, ma ciò non gli impedirà di guidare il Lumezzane VGZ alla partenza della prossima stagione, che sarà uno snodo fondamentale sia per la sua giovane carriera di mister, sia per le ambizioni della piazza lumezzanese.

 

Lo Stankevičius che si ripresenta nel bresciano manifesta entusiasmo e idee chiare: «Torno in veste di allenatore in un territorio che mi ha visto muovere i primi passi come calciatore professionista, in cui sono diventato uomo, e che ho scelto come residenza stabile della mia famiglia. Arrivo, con grande orgoglio, in una società di notevole tradizione e serietà, che ringrazio per l’opportunità concessami. Aspiro alla bellezza del calcio e dello sport, che ho avuto la possibilità di sperimentare direttamente da calciatore: sono valori che vorrei trasmettere ai giocatori che alleno. Non dimenticando che alla base di ogni risultato positivo ci sono volontà, determinazione, lavoro e mentalità vincente, da costruire passo dopo passo, senza scorciatoie».

 

Il nome di Stankevičius era già presente sui taccuini della dirigenza rossoblu: «Abbiamo avuto il primo contatto con Marius un anno fa - racconta il presidente Vincenzo Picchi -. Ci siamo ritrovati nelle ultime settimane ed è stato facile accordarsi: ci è piaciuto l’uomo di sport, e ci è piaciuta la sua idea di calcio». Per il direttore generale, Luigi Mancini, il profilo del lituano è quello ideale per proseguire la rincorsa alla Serie D: «L’arrivo di Stankevičius, con le sue motivazioni e la sua esperienza di calcio acquisita in tanti anni di agonismo, è un’iniezione di fiducia per un ambiente che avrebbe voluto giocarsi sul campo le chances per il salto di categoria, frustrate invece dal lockdown. Con Stankevičius ripartiamo con rinnovato entusiasmo dall’Eccellenza, sempre guardando in alto, forti anche di una struttura societaria solida e di un settore giovanile di grande prospettiva».

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk