Eden Esine ripescata in Seconda. Pedersoli: "La vittoria di un gruppo di amici"

Redazione
 

C'è una squadra bresciana in più che festeggia il salto di categoria. È l'Eden Esine, ufficialmente ripescata in Seconda Categoria.

 

La squadra camuna ottiene così la promozione dopo lo stop dovuto alla pandemia, quando si trovava al secondo posto a tre lunghezze di distanza dalla capolista Orsa Iseo e a +12 sul Centrolago, terzo della classe. 

 

 

"Il salto in Seconda Categoria era il nostro obiettivo - afferma il presidente Gianluca Speziari -, probabilmente l'Orsa aveva qualcosa in più, ma abbiamo fatto un grande campionato e meritato la promozione. Questa squadra è stata messa insieme un paio di anni fa da un gruppo di amici del paese che hanno dato ai ragazzi della zona la possibilità di essere protagonisti. Prima era una sorta di satellite del Breno, ma abbiamo deciso di camminare con le nostre gambe e, divertendoci, ci stiamo togliendo grandi soddisfazioni. Ora proveremo l'assalto alla Prima Categoria, da completare nel giro di due anni".

 

 

Un'annata storica per l'Eden Esine, anche in ambito giovanile: "Gli juniores hanno vinto il campionato provinciale, quindi ora faremo i regionali, opportunità importantissima. Nella prossima stagione avremo anche giovanissimi ed esordienti". 

 

Alla guida della prima squadra sarà confermato mister Ernesto Pedersoli: "Salutare la Terza dopo due sole stagioni significa molto, anche perché abbiamo coinvolto giocatori che hanno giocato senza rimborsi, per pura passione, però abbiamo gestito il tutto facendo le cose per bene. Si può fare calcio con qualità anche in Terza, e alla fine paga. È anche una rivincita dopo l'incredibile caso dell'anno scorso, quando un'incomprensione con la Federazione ci costò 6 punti di penalizzazione per una squalifica. Acqua passata, ora c'è solo da gioire".

 

Il tecnico inquadra così il prossimo futuro: "Arriveranno innesti di spessore. Mi auguro che possano portare quell'esperienza e quel mestiere necessari in Seconda. Talvolta abbiamo perso dei punti che avremmo potuto conquistare per ingenuità o mancanza di malizia. Dobbiamo crescere lì. La dedica? È per i parecchi giocatori che in questi mesi hanno dovuto soffrire a causa di gravi infortuni: Castellanelli, Treachi, Staffoni, Salari e Salvetti. Li recupereremo, sono sicuro che la rosa sarà competitiva".

 

Anche il vice Mauro Funassi può esultare: "È una grande soddisfazione, merito di un gruppo unito, in cui le relazioni si sono trasformate in amicizie. Abbiamo dimostrato qualità, ma il segreto è stata la coesione. Mister Pedersoli? Tra noi c'è una splendida collaborazione. Sa coinvolgere e trascinare, dedica al progetto anima e corpo. Insieme abbiamo guidato la squadra e dribblato ogni ostacolo. Un grande ringraziamento va anche al paese di Esine, che ci apprezza, e ai pochi ma fedelissimi tifosi affezionati che ci seguono anche in trasferta". 

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk