Campioni 2020 - Il quarto tentativo è quello giusto: gioia in Valtenesi

Redazione

Quando il progetto Calcistica Valtenesi incontrò le competenze di Angelo Orlandini, entrato in società per occupare il ruolo di diesse dopo l'esperienza a Nuvolera, l'obiettivo fissato era uno: scrollarsi di dosso la Seconda Categoria e puntare a crescere verso l'alto.

 

Come si impara presto, non bastano le buone intenzioni. Nei primi tre anni di mandato i gialloverdi sono competitivi, lottano per il vertice della classifica, sfiorano anche la promozione, al secondo tentativo, fermandosi però ai play off; in definitiva sparano a salve, almeno dal punto di vista dei risultati di campo. Quello che le statistiche non dicono e l'occhio nudo non vede, che poi è quello che fa tutta la differenza possibile, è che stagione dopo stagione va costituendosi e saldandosi un gruppo che, dietro alla regia di Orlandini, aumenta progressivamente il proprio potenziale. Mancano solo i dettagli, un paio di pedine messe al punto giusto, per realizzare l'ambizione originaria. La più importante, forse, è quella che si sistema in panchina, un esperto di promozioni che in questa categoria ha un curriculum invidiabile, mister Riccardo Rizzola.

 

Nel girone F sono due le principali concorrenti della Calcistica Valtenesi: Roncadelle e, soprattutto, Real Castenedolo. Alla seconda di campionato la sfida è proprio con i granata, fuori casa. Finisce 3-1 per i viaggianti e, a fine andata, con il Real primo a +5 sui gardesani, di quella partita il mister capoclassifica Renato Cartesan dirà: «Ci avevano asfaltato». La distanza dal primo posto deriva da un passaggio a vuoto avuto dai ragazzi di Rizzola proprio nelle ultime 3 gare che chiudono il 2019: sconfitta a Sirmione e sorpasso subìto, pareggi con Montirone e Roncadelle per il -5 parziale. L'inizio ritorno, tuttavia, è rabbioso. Dopo il primo successo del 2020, alla seconda si ripresenta il faccia a faccia con i castenedolesi, stavolta in casa Valtenesi. Finisce 5-0: controsorpasso e messaggio chiaro lanciato ai naviganti. Con 10 punti nei successivi 4 match la Calcistica blinda il primato; l'effetto pandemia, che cristallizza le classifiche alla 21a giornata, fa il resto: gialloverdi campioni e, al quarto tentativo, obiettivo Prima Categoria centrato.

 

Un cammino condotto nel medio periodo e portato avanti con oculatezza dal presidente, Osvaldo Danieli, e dal direttore sportivo Angelo Orlandini, che finalmente si può togliere la soddisfazione tanto agognata: «Mi dispiace non aver potuto esultare sul campo portando a termine il campionato - spiega il ds - perché sono sicuro che avremmo vinto noi, non solo per i 4 punti di vantaggio che avevamo sul Real, ma per la superiorità che abbiamo dimostrato. Fondamentale aver portato qui Rizzola, era l'elemento che mancava; lo conoscevo da anni, è veramente un ottimo allenatore, non poteva dirmi di no. Non avevo mai fatto la Seconda prima di arrivare a Polpenazze, mi è servito un periodo di ambientamento, ho fatto un po' fatica inizialmente, ma la serietà della società mi ha messo nelle migliori condizioni per lavorare al meglio. Ci ho impiegato 4 anni ma ci sono riuscito».

 

Miglior attacco assieme al Calcinato (46 reti), miglior difesa (18), +4 sulla Seconda ma un 8-1 di parziale nel doppio confronto che lascia pochi dubbi. Tobanelli, Girardi, Senti e Tahiri a gonfiare la rete; Secchi, Franzoni e Sparta a difendere la propria; Menni la rivelazione sulla corsia laterale. E poi tutti gli altri, un gruppo unito e di livello che sembra già essere pronto per affrontare un campionato più competitivo: «Ho già confermato la maggior parte dei calciatori in rosa perché sono convinto che già così come siamo possiamo fare bene anche in Prima, una categoria che ho studiato in questi ultimi anni: vedo molte realtà che sono assolutamente alla nostra portata. Ho parlato con il mister, gli ho detto di lavorare in serenità, ma anche che i play off possono essere un obiettivo concreto, io ci credo. Ho preso Cavagnini e Vezzola dalla Vighenzi per migliorarci, dovrò separarmi da 3-4 ragazzi che in Prima farebbero fatica, ma per il resto rimarremo quelli che così bene hanno fatto in questa stagione».

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk