#suilSipario Si parte con la Serie D: obbiettivo stupire

Redazione
Le prime sgambate della Coppa, ma il sapore del campionato è senza dubbio diverso.
 
Calcio d'agosto in archivio, è subito staffetta con quello “vero” di settembre. Si parte dal giorno 1 e dalla giornata 1, che vede tra l'altro in programma subito sfide di grande interesse e fascino. Ad esempio la nuova Calvina che parte dal “Martelli” di Mantova, grande favorita per il titolo finale, o il Franciacorta che farà visita a un'altra piazza storica come Forlì. Per il Ciliverghe battesimo di fuoco contro il Crema del nuovo ds Dalè, impegno quasi proibitivo anche per l'ex squadra proprio d i Dalè, il Breno, impegnato a Fiorenzuola. Insomma, subito tanto pepe per un campionato che da sempre regala emozioni e spettacolo. Le bresciane non lo vincono da tanto tempo, in una stagione che si chiude con il decennale dello scudetto vinto dal Montichiari nel 2010. Solo una squadra della nostra provincia ha le carte in regola quantomeno per provarci, per il resto l'obbiettivo è sicuramente il mantenimento della categoria. In bocca al lupo
 
L'ANALISI DELLE BRESCIANE 
 
Sporting Franciacorta
 
COSA VA
 
La società è formalmente nuova, ma a livello dirigenziale e organizzativo le fondamenta poste dalla “vecchia” Adrense sono solide. L'ultimo campionato è stato quello della stabilità, ora tutto l'ambiente franciacortino si aspetta il salto di qualità. Mercato a nostro parere ottimo, con tanti giovani interessanti e altri elementi navigati. Grande curiosità per il reparto offensivo, dove se si trovasse la chimica tra Bertazzoli, Bardelloni e Mangiarotti per gli avversari sarebbero dolori. 
 
COSA NON VA
 
La rosa è forse leggermente corta in alcuni reparti, ma ci sono comunque elementi capaci di ricoprire più ruoli. La “problematica” maggiore è oggettiva e non dipende certo dal Franciacorta: competere con una piazza come Mantova non è certo facile e si è visto nelle scorse stagioni come piazze storiche siano state sempre avvantaggiate sotto tanti punti di vista. Riuscirà Davide a superare Golia? Ce lo auguriamo
 
LA CERTEZZA: Alessandro Bertazzoli
IL GIOVANE DA TENERE D'OCCHIO: Lorenzo Andreoli
POSSIBILE SORPRESA: Filippo Guerini
 
Ciliverghe
 
COSA VA
 
La società è un punto di forza, l'allenatore altrettanto. Filippo Carobbio è sicuramente la certezza di questo Ciliverghe, che punta a un campionato più tranquillo rispetto a quello dello scorso anno. I cavalli di ritorno De Angelis, Comotti e Mozzanica fanno capire come quest'ambiente resti nel cuore a chi lo vive e spesso è anche un valore aggiunto nei momenti di difficoltà.
 
COSA NON VA
 
Tante le scommesse in tutti i reparti, un equilibrio complessivo a livello difensivo non è stato ancora  raggiunto. Carobbio lo sa e ci sta lavorando, gli ottimi riscontri in Coppa hanno aiutato a dare maggiore serenità all'ambiente. L'importante è che non si trasformi in leggerezza, anche perchè questo Ciliverghe non può permettersi di non affrontare con il coltello tra i denti ogni partita
 
LA CERTEZZA: Paolo Vignali
IL GIOVANE DA TENERE D'OCCHIO: Marco Avesani
POSSIBILE SORPRESA: Michael Berta 
 
Calvina
 
COSA VA
 
Il ds Olli dall'alto della sua esperienza ha allestito una squadra con diversi elementi che nella categoria sono dei big. La spina dorsale Sorbo-Delcarro-Recino rappresenta senza dubbio un ottimo punto di partenza per lasciarsi alle spalle fin da subito i bassifondi della graduatoria. Il gruppo e l'ambiente, infine, pur con tante mutazioni negli ultimi anni, rimane solido e unito. Sarà la grande forza anche in questa stagione, un prezioso supporto per Serafini, al suo primo anno in panchina.
 
COSA NON VA
 
Soprattutto nel parco giovani qualcosa può migliorare, a livello numerico e di qualità, sperando anche che a Recino non venga mai nemmeno un raffreddore. Le apparizioni nel precampionato sono state caratterizzate da luci e ombre, come il blackout di 45' che contro l'Atletico Castegnato (squadrone, ma comunque in Promozione) aveva visto il primo tempo chiudersi 4-1 per la compagine di Quartuccio. Qualche bullone è ancora da stringere bene, ma le carte in regola per stare tranquilli ci sono tutte.
 
LA CERTEZZA: Giorgio Recino
IL GIOVANE DA TENERE D'OCCHIO: Luca Maffioletti
POSSIBILE SORPRESA: Luca Brunelli
 
Breno
 
COSA VA
 
L'entusiasmo per la promozione in una piazza che torna a respirare calcio “vero” dopo tanti anni. Tante le novità, di rosa e dirigenziali, in mezzo una grande certezza come mister Tacchinardi, che ha fatto subito breccia nel cuore dei granata e pur essendo ancora allenatore giovane sembra avere il physique du rôle per reggere l'urto anche con la nuova categoria. La rosa è da scoprire, tra qualche certezza e diverse incognite: obbiettivo salvezza anche all'ultimo secondo dell'ultima giornata.
 
COSA NON VA
 
La rosa palesa qualche lacuna, il 6-2 rimediato a Ciliverghe pur essendo forse fin troppo pesante come risultato rappresenta un primo campanello d'allarme. Calendario subito in salita con la trasferta di Fiorenzuola, la sfida in casa con il Crema e la visita alla Correggese. Ci sarà tanto da lavorare per soffrire il meno possibile.
 
LA CERTEZZA: Michele Magrin / Alessandro Triglia
IL GIOVANE DA TENERE D'OCCHIO: Dennis Galati
POSSIBILE SORPRESA: Elia Sorteni
 
LA GRIGLIA di Calciobresciano.it
 
1^ fila: Mantova-Crema
2^ fila: FRANCIACORTA-Fiorenzuola
3^ fila: Forlì-Carpaneto
4^ fila: Lentigione-Cavenago Fanfulla
5^ fila: CILIVERGHE-CALVINA
6^ fila: BRENO-Mezzolara
7^ fila: Sammaurese-Sasso Marconi
8^ fila: Progresso-Alfonsine
 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk