Aggiustamenti di mercato in Serie D: Baronio alla Calvina, Carminati al Breno

Redazione

0 punti per l'una, con tre sconfitte in altrettante uscite ufficiali stagionali, Coppa compresa; 3 punti (pesanti) per l'altra, ma anche in questo caso corsa finita in Coppa. Calvina e Breno vogliono sfruttare fino in fondo le possibilità di mercato per andare a ritoccare le rispettive rose.

 

QUI CALVINA. I biancoazzurri di Calvisano stentano a decollare, anche se il calendario non ha aiutato l'ingresso nel girone D. Delle tre sconfitte finora raccolte sulla strada della stagione 2019-2020 ce ne sono due che bruciano parecchio, quella in Coppa col Breno e l'ultima col Fanfulla; entrambe tra le mura amiche di Desenzano, entrambe pagando pochi errori difensivi e molte imprecisioni offensive. Mister Matteo Serafini non sembra troppo preoccupato, sa che la sua squadra è giovane e che servirà tempo per ingranare. Una mano stanno provando a dargliela presidente Marai e ds Olli, che nelle ultime ore hanno perfezionato l'acquisto di Niccolò Baronio (il giocatore a fuoco nella foto copertina). Esterno mancino che può giocare sia basso che a centrocampo, svincolato dopo una stagione da protagonista al Trento (dove aveva trovato anche 4 reti), il classe '99 di Verolavecchia va ad allungare le rotazioni della Calvina, rischiando di trovare minuti già lunedì, nella difficile trasferta di Crema, a causa della probabile nuova assenza per motivi muscolari di Rizzi, con Broli uno dei due terzini calvisanesi prima dell'ultimo arrivo.

 

QUI BRENO. Il Crema è il trait d'union di questo inizio bresciano in Serie D: esordio vittorioso col Ciliverghe, battuta d'arresto inaspettata a Breno e, ora, l'esame Calvina. Quei 3 punti conquistati dai granata alla prima in casa possono già pesare moltissimo per una squadra neopromossa che ha come naturale primo obiettivo quello di confermare la categoria. Eppure la società camuna ha presentato ufficialmente ieri due pedine da contare nello scacchiere. Quella già conosciuta è l'attaccante albanese classe '97 Olger Merkaj, giovanili Samp e ultimo anno in D al Chieri; novità assoluta è quella portata invece da Alberto Carminati, difensore bresciano cresciuto tra Atalanta e Chievo e reduce dal campionato di vertice fatto dall'ormai ex Sdl Rezzato nel 2018-2019.

 

Assestamenti importanti per due delle quattro realtà di D, alla vigilia di un terzo turno di campionato per certi versi già delicato.

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk