Primo test con pari livello per il Desenzano Calvina. Recino abbaglia

Redazione

Al centro sportivo di Sirmione, casa del Rovizza, c'erano ieri pomeriggio un centinaio di persone a fare da pubblico, e già questa è una notizia. L'occasione era l'amichevole tra Desenzano Calvina e Sona, squadra veronese di pari categoria anche se di diverso raggruppamento.

 

Dopo aver superato in agilità due formazioni di Eccellenza (5-1 al Carpenedolo, 4-0 al Vobarno), la squadra desenzanese scala una marcia mettendosi di fronte una rivale di egual caratura. Dal dominio si passa al predominio (del campo), le indicazioni rimangono molto positive ma il cambio di dimensione mette in rilievo anche alcune situazioni su cui lavorare. D'altronde anche a questo servono le amichevoli. Il punteggio non conta, ma il 2-2 finale non dispiace, anche perché all'89' erano avanti i biancoazzurri. Non dispiace nemmeno ammirare un Giorgio Recino già in formato goleador.

 

La punta milanese è il grande protagonista del match. Quando segna, rigori a parte, sono spesso gol che rimangono in memoria, come quello siglato all'ultima giornata del campionato scorso, prima del lockdown: un coast to coast esaltante di 70 metri chiuso battendo il portiere nell'1 vs 1, come Weah in quel Milan-Hellas di un quarto di secolo fa. In progressione palla al piede, con quella velocità abbinata a quel fisico, Recino è difficilmente arginabile. Ma le armi in dotazione sono tante. Tra queste anche il colpo di testa e la grande tecnica e coordinazione, che sono poi quelle usate ieri per far balzare dagli spalti i presenti: incornata perentoria per l'1-0, bicicletta per il 2-1. Da rivedere le voci "opportunismo" e "continuità", ma avesse anche quelle staremmo parlando di un calciatore al top del professionismo. Mister Florindo può serenamente accontentarsi, diciamo così.

 

Proprio l'allenatore rodigino approccia all'incontro schierando i suoi con un inedito 4-3-1-2, in luogo del rodato 4-3-3. Mauri parte dalla panchina, Franchi accentra e arretra la sua posizione, Gubellini va a comporre il doble pivote assieme a Recino. Luca Ruffini viene confermato mezzala sinistra, con Crema, bella scoperta della passata stagione, che viene rilanciato sul centro destra. In porta si rivede Sellitto. Nessuno si è scordato del suo talento, ma per rinfrescare la memoria e ribadire l'assunto il 2002 para un rigore a Cortese e vince la sfida diretta con l'ex franciacortino Emanuele Bardelloni. Le reti subite arrivano per mano di un'altra conoscenza del calcio nostrano, Zecchinato (al Ciliverghe nell'annata 2018-2019), e di Dal Cortivo, che fa sfumare la terza vittoria in altrettante gare al Desenzano marcando a tempo scaduto.

 

Mentre il club di Roberto Marai continua la serie di amichevoli (sabato c'è il Lumezzane Vgz), le concorrenti bresciane in D non stanno con le mani in mano. Il Breno pesca dalla Feralpisalò un ragazzo di casa, il difensore classe 2002 Marco Morandini, passato anche dal settore giovanile dell'Inter. Il Franciacorta, invece, affina la preparazione atletica tra allenamenti sulla sabbia e piscina.

 

Di seguito il tabellino dell'amichevole di ieri.

 

Desenazano Calvina - Sona 2-2

DESENZANO CALVINA PT: Sellitto; Turlini, Marco Ruffini, Sorbo, Zanolla; Crema, Palmieri, Luca Ruffini; Franchi; Recino, Gubellini. Allenatore Michele Florindo.
DESENZANO CALVINA ST (4-3-1-2): Sellitto; Turlini (20′ Mazzurega), Marco Ruffini (dal 20′ Missaglia), Sorbo (dal 20′ Chiari), Zanolla (dal 20′ Perotta); Crema (dal 20′ Palmieri), Cazzamalli, Luca Ruffini; Franzoni; Recino (dal 20′ Gubellini), Mauri.
SONA: Carletti (1′ st Circio); De Nardi (1′ st Montresor), Gichiele (1′ st Dal Cortivo), Pralini (1′ st Zamboni), Frinzi (1′ st Multari); Tomasini (1′ st Cortese), Tomelleri, Castellan (20′ st Lavarini); Cortese (1′ st Multari), Bardelloni (20′ st Valbusa); Zecchinato (5′ st Marchesini). Allenatore Marco Tommasoni.
ARBITRO: Peluso di Brescia.
RETI: pt 4’ Recino (DC), 39’ Zecchinato (S), 42’ Recino (DC); st 45′ Dal Cortivo (S).
NOTE: spettatori 100 circa.