Perinetti: "Al lavoro per tornare in A. Cordone è il mio braccio destro"

Redazione
 

Radici, umiltà e prospettive. C'è tutto questo nelle prime parole di Giorgio Perinetti da direttore sportivo del Brescia Calcio.

 

"Sono felice di lavorare nella città natale di mia madre - ha affermato il nuovo dirigente biancoazzurro durante la conferenza stampa di presentazione -, non credo di essere un grande acquisto, ma l'uomo chiamato dal presidente Cellino per aiutare il club a tornare subito dove merita. Lavoreremo duramente per riconquistare la categoria perduta dopo una stagione difficile".

 

 

Sul futuro della rosa Perinetti non ha dubbi: "Non dimentichiamo che un anno fa questa squadra vinse meritatamente la Serie B. Sarebbe bello ripartire da questa base, però le vie del mercato sono infinite. Vediamo".

 

 

Poi un focus sulle figure che lo circonderanno: "Cordone sarà il mio braccio destro, impareremo l'uno dall'altro. Delneri? Opereremo in ambiti diversi e possiamo essere figure complementari, ma aspettiamo l'ufficialità del suo arrivo. Quanto a Diego Lopez è il nostro allenatore e potrebbe continuare ad esserlo. Prima dovremo parlare, è necessario capire le sue intenzioni e motivazioni".

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk