Un rigore di De Luca condanna il Brescia più brutto della stagione

Redazione

Seconda sconfitta consecutiva per il Brescia di Filippo Inzaghi che torna da Perugia con le tasche vuote. La formazione umbra si è infatti imposta per 1-0 nel match valevole per l'ottava giornata di campionato.

 

Il Curi rimane un campo stregato per le rondinelle (12 sconfitte in 22 precedenti) e per Inzaghi che perse uno scudetto quando giocava nella Juventus. Al termine di una partita molto spezzettata e combattuta le rondinelle escono dal terreno di gioco sconfitte per effetto di un calcio di rigore trasformato da Manuel De Luca, al 25' del primo tempo, dopo un intervento goffo di un Bisoli irriconoscibile e bocciato già dall'intervallo. Una squadra, il Brescia, mai realmente pericolosa e con il primo tiro in porta arrivato solamente all'80' con Tramoni. Rondinelle involute, senza idee e con tante imprecisioni.

 

Van de Looi e Jagiello, che avevano vinto i ballottaggi con Labojko e Tramoni hanno deluso: l'olandese ancora troppo lento e timido, il polacco poco incisivo. Palacio prova a fare a sportellate, ma non è giornata. Nemmeno per Moreo che lotta, torna a centrocampo ma fatica per tutta la partita a vincere i duelli. Non cambiano il corso del match nemmeno i cambi e il tentativo di Inzaghi di rendere la squadra il più offensiva possibile con Ndoj, Tramoni, Palacio, Moreo e Bajic. Il primo tiro in porta, come detto, è quello di Tramoni dal limite a 10' dalla fine; l'altro tiro in porta è il rigore di De Luca.

 

PERUGIA - BRESCIA 1-0 (25' rig. De Luca)

 

PERUGIA (3-4-1-2): Chicizola; Dell’Orco (72' Curado), Angella, Sgarbi; Lisi, Ghion (72' Vanbaleghem), Segre, Falzerano (83' Ferrarini); Kouan (84' Santoro); Matos (60' Carretta), De Luca. A disposizione: Fulignati, Rosi, Righetti, Gyabuaa, Carretta, Murano, Murgia, Vanbaleghem, Curado, Santoro, Ferrarini, Zanandrea. Allenatore: Alvini.

 

BRESCIA (4-3-2-1): Joronen; Mateju (67' Bajic), Cistana, Chancellor, Pajac; Bertagnoli (83' Ndoj), Van de Looi (73' Labojko), Bisoli (46' Tramoni); Jagiello (67' Cavion), Palacio; Moreo. A disposizione: Perilli, Linner, Ndoj, Spalek, Bajic, Mangraviti, Huard, Labojko, Cavion, Tramoni, Olzer, Papetti. Allenatore: Inzaghi.

 

Ammoniti: Matos, Falzerano, Van de Looi, Mateju, Dell'Orco, Bajic, Lisi.