Eliminazione e umiliazione

Redazione

catania_brescia_coppaCATANIA - BRESCIA 5-1

CATANIA: (4-4-2) Campagnolo, Potenza, Alvarez (25'st Silvestre), Terlizzi, Marchese, Delvecchio (11'st Izco ), Sciacca, Martinho (11'st Pesce), Barrientos, Antenucci, Lopez. (Kosicky, Llama, Ricchiuti, Capuano). All.: Giampaolo
BRESCIA: (4-3-3) Arcari, Berardi (35' st Zambelli), Zoboli, De Maio, Dallamano, Baiocco, Budel, Hetemaj (27' st Vass), Taddei (15' st A. Filippini), Possanzini, Feczesin. (Sereni, Eder, Cordova, Martinez). All.: Iachini.
Arbitro: Ciampi di Roma.
Marcatori: 13' pt Martinho, 18' pt Feczesin, 9' st e 41' st Maxi Lopez, 13' st Pesce, 38'st Antenucci.

Nemmeno la coppa Italia riesce a restituire il sorriso al Brescia, che interrompe il suo cammino nel trofeo nazionale uscendo dal Massimino con le ossa rotte.
Iachini getta nella mischia i giocatori meno impegati ma la sua squadra regge il confronto con i rivali siculi solo nel primo tempo, chiuso sull'1-1 per effetto del botta e risposta firmato Martinho e Feczesin. Nella ripresa, però, le Rondinelle gettano la spugna fin dai primi minuti, colpite dagli acuti di Maxi Lopez e Pesce e umiliate dal poker di Antenucci al quale segue la cinquina del solito Maxi Lopez, che sigla la personale doppietta. Sul cammino del Catania ora si staglia la figura della Juventus, mentre al Brescia non resta che cercare un pronto riscatto in campionato, nel match casalingo di domenica contro il Genoa.