Per il Brescia un punto all'ultimo respiro. Decisivo Papetti

Redazione

Partita vibrante quella tra Brescia e Venezia, con le rondinelle che agguantano il pareggio in extremis scongiurando il pericolo della terza sconfitta stagionale.

 

Al Rigamonti i padroni di casa provano subito a mettere la loro impronta sul match e ci riescono già al 13' con un gran gol di Bisoli, che calcia al volo sul traversone di Dessena e può alzare le braccia al cielo.

 

La replica veneta arriva al 33': angolo di Aramu e colpo di testa di Forte, che non lascia scampo a Joronen. L'attaccante ospite raddoppia al 10' della ripresa sfruttando uno splendido assist di tacco di Fiordilino.

 

Il Brescia va sotto ma non si arrende, sfiora il pareggio con Donnarumma e rischia grosso sulle ripartenze avversarie, ma si aggrappa a Joronen e trova il 2-2 quando ogni speranza sembra essere sfumata. Merito del giovane Papetti, che risolve una mischia con un colpo di testa dopo la traversa colpita da Torregrossa.

 

BRESCIA - VENEZIA 2-2

 

BRESCIA (4-3-1-2) Joronen; Sabelli, Papetti, Mangraviti; Mateju; Bisoli (70' Bjarnason), Labojko (70' Van de Looi), Dessena; Spalek (56' Jagiello); Ayè (64' Torregrossa), Donnarumma. (Kotnik, Chancellor, Verzeni, Ghezzi, Zmrhal, Ragusa). All. Lopez.

 

VENEZIA (4-2-3-1) Lezzerini; Mazzocchi, Modolo, Ceccaroni, Felicioli; Vacca, Fiordilino, Aramu (65' Maleh), Capello, Johnsen (77' Karlson); Forte. (Pomini, Ferrarini, Molinaro, Taugourdeau, Cremonesi, Serena, Marino, Di Mariano, Bocalon, Svoboda). All. Zanetti.

 

Arbitro: Illuzzi di Molfetta.
RETI: 13 Bisoli, 33' Forte; 55' Forte, 95' Papetti.

 

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk