Man of the Match, Joronen ed Ayè polarizzano i voti

Redazione

Due poli diventati cardini, ciò che manca è ciò che c'è tra i due. Il Brescia che si sveglia dopo il crollo interno con la Cremonese è un Brescia che comincia seriamente a preoccuparsi della vicinanza della zona retrocessione. Il portiere e la punta stanno cercando di tenere a galla la squadra, manca la squadra.

 

Quello visto contro i grigiorossi non è stato un Brescia terribile, va detto. Passate in vantaggio col quinto centro di Florian Ayè nelle ultime quattro partite, le Rondinelle hanno retto a lungo la reazione rabbiosa del Torrazzo, che alla lunga ha sfondato, nonostante la resistenza di Jesse Joronen. Pep Clotet sta cercando di dare coraggio e fiducia a una rosa che, tuttavia, non può far finta di aver perso pedine fondamentali senza che fossero sostituite. Pajac si sta rivelando una buona alternativa a Bruno Martella, Fran Karacic può giocare al posto di Ales Mateju, non di Stefano Sabelli. Ernesto Torregrossa manca profondamente, non solo per gol e qualità, ma come leadership, come quel giocatore da cui vai quando sei in difficoltà, quando hai paura. Oggi un giocatore così non c'è, nonostante la volontà e il senso di appartenenza di Dimitri Bisoli, nonostante il livello di Filip Jagiello (partito peraltro dalla panchina, sabato).

 

Quel che resta è appunto capo e coda della colonna vertebrale biancoblu, Joronen-Ayè. Ad Alfredo Donnarumma - autore dell'assist per il momentaneo 1-0 - è chiesto un salto di qualità come uomo squadra, agli altri - come ad esempio Simon Skrabb, discreto al ritorno da titolare - di fare al loro meglio per potersi salvare senza passare da play out che, se il campionato finisse oggi, sarebbero reltà.

 

I voti Instagram del Man of the Match fotografano proprio questa situazione. Ayè è il preferito da quattro turni consecutivi, record che gli vale l'aggancio al primo posto nella generale a Torregrossa, partito per Genova mesi fa. Appiccicato alle loro spalle, Joronen. Dietro il vuoto, prima di incontrare Jagiello, Bisoli, Dessena, Sabelli e Papetti, nomi che parlano anche al passato. Il Brescia ha bisogno di cambiare il presente.

 

CBS Man of the Match - 24a giornata

1) Ayè - 3 punti

2) Joronen - 2 punti

3) Donnarumma, Skrabb - 1 punto

 

Classifica generale

1) Ayè, Torregrossa - 23 punti

2) Joronen - 22 punti

4) Jagiello - 12 punti

5) Bisoli, Dessena - 11 punti

7) Papetti, Sabelli - 10 punti

9) Spalek - 7 punti

10) Donnarumma - 6 punti

11) Mangraviti, Verzeni - 4 punti

13) Bjarnason - 3 punti

14) Chancellor, Ndoj, Ragusa - 2 punti

17) Andrenacci, Labojko, Mateju, Skrabb - 1 punto