La Curva Nord rimarrà fuori dallo stadio alla prima casalinga del Brescia

Redazione

Venerdì alle 20.30 il Brescia bagnerà il suo esordio in campionato al "Rigamonti" ospitando il Cosenza nella gara valida per la seconda giornata. Lo farà senza buona parte del suo pubblico: un po' per la scelta del Governo di permettere di riempire il 50% della capienza, un po' per quella di abbonati che hanno deciso di disertare.

 

Diverse frange del tifo organizzato bresciano si sono infatti organizzate per far sentire la propria assenza sugli spalti, pre-annunciando che non assisteranno al match coi soliti cori, bandiere, striscioni. Un gesto di protesta verso le restrizioni che ancora contingentano l'ingresso allo stadio, limitazioni considerate eccessive e penalizzanti.

 

Tra questi gruppi c'è anche la Curva Nord Brescia, che nella giornata di ieri ha diramato in merito il comunicato ufficiale che segue.

 

COMUNICATO CURVA NORD BRESCIA

 

"11 settembre 2020, con un comunicato dichiarammo che mai avremmo accettato limitazioni alla capienza della nostra curva e del nostro stadio.

Questo perchè per noi il valore dell'aggregazione, socializzazione e passione non sono valori che si possono mercanteggiare.

Non impediremo a nessuno di entrare e rispetteremo il singolo pensiero di ognuno.

Chiediamo solo per rispetto (e quello credo che ce lo meritiamo essendo sempre stati vicino a tutti) di non appendere stendardi, bandiere o altro e di non fare partire cori dalle ringhiere.

Noi comunque saremo nei dintorni e ci studieremo tutto quanto sia possibile e inimmaginabile per non fare mancare sostegno e calore alla nosta maglia, alla nostra squadra.

Sperando di rivederci presto all'interno della nostra casa, la Curva Nord, TUTTI ASSIEME!

Un abbraccio a chi ha perso i propri cari causa questa pandemia. Oggi il nostro primo pensiero nell'avvicinarsi la prima partita con pubblico ridotto casalinga è per loro!

FORZA BRESCIA IERI OGGI DOMANI💪🏻💪🏻".