Vittoria di volontà: la Feralpisalò sbanca Arezzo e ritrova i 3 punti

Redazione

Il girone di ritorno del girone B di Serie C si apre con un ruggito: nel primo anticipo della 20a giornata i Leoni del Garda battono 3-2 l'Arezzo in trasferta e ritrovano il dolce sapore della vittoria dopo un inizio 2021 problematico.

 

Allo stadio Città di Arezzo la Feralpisalò rompe un digiuno di vittorie che durava da sei match, dal 3-1 interno al Padova della 12a d'andata. 3 punti utilissimi per raggiungere quota 29 in classifica ed accorciare sulle squadre di testa: in questo momento il Padova è in campo a Imola per il secondo anticipo, domani si completerà il turno con tutte le altre partite. Südtirol distante 8 lunghezze, ma il treno buono è ora lì a pochi passi.

 

Il viaggio in Toscana contro l'ultima della classe non è comunque stato semplice, anzi, la Feralpi ha dovuto vincere almeno due volte una gara che si era trovata nelle sue mani, per suoi meriti. Se domenica scorsa a Perugia erano stati decisivi due rigori fischiati contro, oggi pomeriggio lo sono allo stesso modo i due avuti a favore. Ma andiamo con ordine. Mister Pavanel schiera un 4-3-3 per contrastare il 4-4-2 di Roberto Stellone, con Ceccarelli e Guerra a cercarsi gli spazi giusti per colpire o servire Miracoli. Andranno tutti e tre in rete. A centrocampo conferme per Hergheligiu. I ritmi della prima mezz'ora sono bassi, Rizzo e Ceccarelli provano a farsi vedere dalle parti di Sala, ma al primo vero affondo i padroni di casa passano, grazie ad una conclusione incrociata di Piu. La reazione bresciana è prepotente e l'onda d'urto porta a due reti in rapida successione: al 41' Guerra trova il secondo centro consecutivo dal suo ritorno con una grande azione personale, 2' dopo il sig. Costanza di Agrigento concede il penalty agli ospiti per un fallo di mano in area di Sbraga, che costa al difensore il rosso. Ceccarelli trasforma e mette in discesa l'incontro.

 

Che in discesa non ci andrà mai, perché al ritorno in campo Arini trova il tap-in che rimette la situazione in parità. Nei successivi 30' i salodiani attaccano a testa bassa e costruiscono almeno 4 occasioni da gol, senza trovarlo. Al 32' però arriva l'ultima svolta. Sembra un film già visto: fallo in area, espulsione (stavolta a Cherubin), rigore. Ceccarelli aveva lasciato spazio a D'Orazio poco tempo prima, quindi sul dischetto ci va Miracoli, che spiazza Sala e timbra la rete della vittoria. La Feralpi proverà a chiudere il discorso colpendo anche una traversa con Petrucci, ma il punteggio non subirà più mutamenti.

 

Massimo Pavanel tira le somme della prestazione e dedica parole d'affetto alla piazza aretina, che fu anche sua tre stagioni fa e che l'ha accolto con uno speciale striscione firmato dalla curva sud: "Arezzo ti rende onore": «Veniamo da un periodo delicato, era importante vincere. Una gara sofferta, perché l’Arezzo ha fatto una grande gara nonostante l’inferiorità. La volevamo, l’abbiamo cercata. Faccio i complimenti ai ragazzi perché oggi era importante trovare il risultato. Andiamo avanti a testa alta. Sono anni che mi danno affetto qui. C’è un rapporto speciale, mi hanno sempre commosso e così è stato anche oggi».

 

Soddisfatto anche l'autore della terza e cruciale rete, Luca Miracoli: «Una vittoria fondamentale che volevamo a tutti i costi. Arezzo squadra non facile. Sicuramente possiamo migliorare su tante cose, anche se in attacco abbiamo fatto buone combinazioni. Abbiamo intrapreso un tour de force, era importante cominciare bene questo ciclo di partite. Pensiamo subito a mercoledì, dobbiamo fare punti». Il prossimo appuntamento, tra soli quattro giorni, è il recupero della 17a giornata, terza trasferta consecutiva, a Carpi.

 

Arezzo - Feralpisalò 2-3

 

AREZZO (4-4-2): Sala; Luciani, Sbraga, Cherubin, Karakalis; Belloni (45' pt Borghini), Di Paolantonio, Serrotti (1' st Altobelli), Arini; Cutolo (41' st Di Grazia), Piu (27' st Carletti). (Tarolli, Kodr, Ventola, Maggioni, Soumah, Benucci, Sussi, Zuppel). Allenatore Stellone.

FERALPISALÒ (4-3-3): De Lucia; Bergonzi, Legati, Bacchetti (34' st Giani), Rizzo (26' st Brogni); Carraro, Hergheligiu, Scarsella (12' st Petrucci); Ceccarelli (26' st D'Orazio), Guerra, Miracoli (34' st Morosini). (Liverani, Tulli, Vitturini, Pinardi, Farabegoli, Gavioli). Allenatore Pavanel.

ARBITRO: Antonino Costanza di Agrigento.

ASSISTENTI: guardalinee Andrea Micaroni di Chieti e Nicola Tinello di Rovigo; quarto uomo Adalberto Fiero di Pistoia.

RETI: pt 28' Piu (A), 41' Guerra (F), 44' rig. Ceccarelli (F); st 2' Arini (A), 34' rig. Miracoli (F).

NOTE: espulsi al 43' pt Sbraga (A) per aver fermato di mano una chiara occasione da gol e al 32' st Cherubin (A) per fallo di reazione in area. Ammoniti Luciani (A), Arini (A), Petrucci (F). Recupero: 1' e 4'.