Scarsella segna, De Lucia para: col Gubbio 3 punti play off per la Feralpisalò

Redazione

Sempre loro, orami non ci si deve più stupire. Fabio Scarsella e Victor De Lucia sono l'anima di una Feralpisalò spesso altalenante nei risultati, ma sempre focalizzata sull'obiettivo play off.

 

Nello scontro diretto odierno del "Turina" i verdeblu battono 1-0 il Gubbio, gara valida per la 32a giornata di Serie C, con la rete decisiva del centrocampista e un rigore parato a 3' dal 90' dal portiere. Nel mezzo un match senza altissime palpitazioni, combattuto ed equilibrato, costruito dai padroni di casa su attenzione e concretezza, la ricetta scelta da mister Pavanel per rispondere alle quattro sberle ricevute dalla capolista Padova nell'ultimo turno.

 

Il Gubbio che si presenta a Salò è una squadra in salute, imbattuta da 7 gare, reduce da 3 vittorie consecutive. Rispetto alla trasferta veneta Pavanel recupera la coppia centrale Legati-Farabegoli, lancia Tulli sulla trequarti e inserisce Miracoli di punta. Dopo un primo tentativo di Scarsella al 5', al 18' trema la traversa gardesana, colpita da Pellegrini. 3' più tardi il gol partita: una palla vagante nei pressi della porta difesa da Zamarion è preda di Scarsella che, con la solita destrezza, infila il 12° centro stagionale.

 

Il secondo tempo non regala spettacolo, solo l'incremento della spinta del Gubbio, che cerca il pareggio senza tuttavia costruire occasioni clamorose. La chance arriva solo quando l'incontro sta per concludersi,  al 42': Farabegoli commette fallo nella sua area ai danni di Gomez, che si prende la responsabilità della realizzazione. Sulla sua strada, però, c'è ancora uno strordinario De Lucia.

 

Proprio il numero 22 esprime tutta la sua gioia a fine gara: «Avevo tanta voglia di non subire gol e consolidare il risultato, non è stato facile. Sono contentissimo. Il lavoro paga: quando lo fai bene i risultati arrivano. Gomez l'ho studiato, come sempre, con Orlandi e i miei compagni di reparto. Poi rimane sempre anche il 50% di fortuna. Dedico il rigore alla mia compagna Giulia e alla futura principessa. Mi danno la forza di affrontare qualsiasi cosa al meglio. Sono emozioni bellissime».

 

Ancora match winner, Scarsella indica la via: «Abbiamo messo da parte la sconfitta di Padova, che ci pesava. Era importante dimenticarla e ripartire verso il nostro obiettivo. Contento per i gol, ma è importante che collimino con i risultati della squadra. Adesso pensiamo a Cesena, sarà importante sfruttare il fatto di essere gli unici a giocare. Lavoriamo duro da agosto. Ora è il momento di raccogliere quanto abbiamo fatto fino ad ora. Il nostro obiettivo è lì, i passi falsi non sono più ammessi. Dedico il gol al mio ex compagno Antonio Vanacore e ai due miei compaesani amici d'infanzia, Peppe e Piero, mancati per colpa di questo maledetto virus».

 

Chiude i commenti post partita mister Pavanel: «Un buon primo tempo, nel secondo abbiamo sofferto di più quando il Gubbio è uscito. Siamo stati un po' ingenui sul rigore. Abbiamo portato a casa una partita fondamentale per noi. Avevamo bisogno e voglia di vincere. Ora recuperiamo le energie e pensiamo subito al Cesena, un altro scontro diretto. Abbiamo un giro di partite importanti che comporteranno dispendio di forze. Dobbiamo essere pronti».

 

Mercoledì prossimo alle 15 la Feralpisalò torna sul suo campo per il recupero della 23a giornata, avversario il Cesena. Domenica prossima, alla stessa ora, viaggio a Mantova per la 33a giornata.

 

Feralpisalò - Gubbio 1-0

 

FERALPISALÒ (4-3-1-2): De Lucia; Bergonzi, Legati, Farabegoli, Brogni; Carraro (40' st Pinardi), Scarsella, Gavioli (19' st Hergheligiu); Tulli (40' st Bacchetti); Guerra (19' st Ceccarelli), Miracoli. (Liverani, Magoni, Giani, Iotti, Petrucci, D’Orazio, Rizzo). Allenatore Massimo Pavanel.

GUBBIO (4-3-1-2): Zamarion; Munoz (38' st Oukhadda), Uggè (18' st Sainz-Maza), Signorini, Ferrini; Hamlili, Megelaitis, Malaccari (18' st Ingrosso); Pasquato (38' st De Silvestro); Fedato (31' st Gomez), Pellegrini. (Savelloni, Formiconi, Sdaigui, Serena, Sorbelli, Cinaglia). Allenatore Vincenzo Torrente.

ARBITRI: Luigi Catanoso di Reggio Calabria.

ASSISTENTI: guardalinee Vincenzo Adriano Catucci di Pesaro e Marco Belsanti di Bari; quarto uomo Mauro Gangi di Enna.

RETI: pt 21' Scarsella.

NOTE: rigore parato da De Lucia (F) a Gomez (G) al 42' st. Ammoniti: Legati (F), Ceccarelli (F), Ferrini (G). Recupero: 0' e 4'.