Non solo Tonali. Quante Rondinelle sui taccuini degli operatori di mercato

Redazione
 

Il Brescia attende due verdetti. Il primo arriverà il 28 maggio e riguarderà la ripartenza o meno del campionato; il secondo sarà di natura sportiva, quello relativo al futuro sportivo della società: Serie A o B?

 

In attesa che i vertici del calcio e (forse) il campo svelino il futuro, Cellino lustra i gioielli di famiglia, sempre più ricercati nell'ottica di un mercato che inizia a muovere i primi passi. Il presidente è consapevole di avere tra le mani un tesoretto non indifferente.

 

 

Di Tonali si parla un giorno sì e l'altro pure su tutti i media nazionali e anche su alcune pagine di giornali esteri, soprattutto catalani. Il Barcellona avrebbe appuntato il suo nome in agenda, ma le concorrenti italiane non mancano, con Milan, Juventus, Napoli e soprattutto Inter fortemente interessate al centrocampista delle Rondinelle. In pole position ora sembrano esserci i nerazzurri e secondo le ultime indiscrezioni pare che Cellino abbia fissato il prezzo sui 50 milioni, cifra destinata a ridimensionarsi in caso di retrocessione. 

 

 

Tonali è senza dubbio il pezzo grosso della rosa biancoazzurra, ma non è l'unico giocatore finito nel mirino degli operatori di mercato. Joronen è stato tra i pochi giocatori dal rendimento sopra la sufficienza nell'annata difficile del Brescia, dimostrandosi senza ombra di dubbio il migliore acquisto messo a segno da Cellino. Il portiere finlandese piace molto al Napoli, ma il suo agente ha parlato chiaro in un'intervista rilasciata a Il Mattino: "Jesse è cresciuto molto e merita un grande club, ma se lascerà Brescia sarà solamente per un miglioramento e non per andare a fare il dodicesimo".

 

I collegamenti tra lo stadio San Paolo e Rigamonti sembrano essere vivaci, perchè oltre a Tonali e Joronen i partenopei tengono monitorato anche Cistana, profilo in linea con i canoni della Fiorentina. Restando in difesa anche Chancellor ha diversi estimatori in Serie A: Torino e Parma che sembrano particolarmente interessate al futuro del gigante venezuelano.

 

Non finisce qui, perché la Sampdoria avrebbe già effettuato sondaggi a ripetizione per Torregrossa e sembra intenzionata a portarlo all'ombra della Lanterna la prossima stagione. Il Parma, tuttavia, potrebbe non essere d'accordo, sfidando i blucerchiati nella corsa all'attaccante classe '92.

 

Infine c'è Sabelli, record-man di presenze e baluardo di continuità del Brescia 2019/2020. Le sue caratteristiche potrebbero fare al caso dell'Udinese, ma anche su di lui, come per Torregrossa, c'è l'occhio vigile della Samp. 

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk