CSI

Il Csi Brescia rinvia l'inizio dei campionati: "Priorità a salute, lavoro e scuola"

Redazione

Mentre il calcio dilettantistico si interroga sul futuro quello amatoriale si ferma. Almeno per il momento.

 

Il Csi Brescia ha deciso di posticipare di un mese il fischio d'inizio della nuova stagione prendendo atto di una situazione sempre più complicata ed agendo di conseguenza. Una scelta senza dubbio dolorosa, ma coraggiosa, che riguarda centinaia di squadre e migliaia di tesserati di ogni età in tutta la provincia. 

 

L'associazione di via Chiusure, dunque, prende tempo. Il calcio a 7, così come quello a 5, il basket e il volley, restano in stand by.

 

Di seguito il comunicato diffuso pochi minuti fa sul sito ufficiale del comitato.

 

Il C.S.I. - Comitato Territoriale di Brescia- comunica che,  in seguito al rialzo della curva dei contagi e alla situazione che si sta verificando nella nostra provincia,  ha deciso di posticipare l'inizio dei campionati di tutti gli sport di squadra – Open e giovanili – al  penultimo fine settimana di novembre.

 

Siamo convinti che ciò sia un atto logico, dovuto e responsabile nei confronti delle proprie Società sportive e dei loro tesserati e che dà priorità assoluta alla tutela della salute.

 

Infatti, il rischio di incorrere in quarantene preventive risulta un ostacolo non indifferente in ambito professionale e scolastico, che ha fatto emergere parecchie problematiche all'interno di squadre di ogni categoria.

 

Vogliamo ringraziare le società affiliate, che hanno seguito con grande senso di responsabilità e dedizione le norme previste dal protocollo sanitario, per garantire a bambini, ragazzi, giovani e adulti la possibilità di giocare.

 

Sarà nostra premura tenervi aggiornati nelle prossime settimane attraverso i canali di comunicazione.

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk