"Risultati subito o dimissioni". Parte da Ospitaletto l'attacco ai vertici della Lnd

Redazione
 

Il passo in avanti dei presidenti regionali della Lega Nazionale Dilettanti del Nord Italia è stato accolto con soddisfazione, ma c'è qualcosa che non torna secondo il presidente dell'Ospitaletto Giuseppe Taini, che torna all'attacco dei vertici nazionali della Lnd.

 

"Ho apprezzato le dichiarazioni del presidente della Lombardia Baretti e degli altri presidenti regionali del Nord - sostiene il massimo dirigente arancioblù in un comunicato stampa -. Hanno sottolineato la necessità di chiudere i campionati dei dilettanti al più presto come da richieste delle società sportive, ma siccome il presidente nazionale Sibilia insiste a proporre sulla stampa tesi diverse il secondo passo dovrebbe essere quello di promuovere, da parte degli stessi presidenti regionali, le dimissioni dello stesso Sibilia in caso di mancanza di conforme decisione a breve".

 

 

L'attendismo del presidente nazionale, dunque, sembra non convincere l'Ospitaletto, ormai portavoce delle società bresciane più calde sul tema. C'è il timore che si possa andare ulteriormente per le lunghe, oltre al sospetto che i vertici dei dilettanti stiano tenendo uno spiraglio aperto per il ritorno in campo.

 

 

Taini propone anche il piano C, chiamando a raccolta i club scontenti: "Se non avremo riscontri a breve e se i presidenti regionali non chiederanno le dimissioni di Sibilia lo faranno direttamente le società sportive. Ho già raccolto molte adesioni di presidenti di club schierati con noi. Società di Brescia, ma anche ben oltre i confini della nostra provincia".