Lega Nazionale Dilettanti, le decisioni del Consiglio sulle classifiche

Redazione
 

L'attesissimo consiglio direttivo della Lega Nazionale Dilettanti si è espresso con chiarezza sui criteri relativi alle classifiche della Serie D, al calcio a 5 e alla Serie C femminile. Situazione ancora in evoluzione, invece, per i campionati dall'Eccellenza in giù, ma andiamo con ordine.

 

Il Consiglio Direttivo della Lega Nazionale Dilettanti, tenutosi oggi in videoconferenza, ha messo a punto le proposte (votate all’unanimità), che saranno portate al vaglio del prossimo Consiglio Federale, in ordine ai meccanismi di conclusione dei campionati nazionali e regionali, per la necessaria ratifica - si legge nella nota ufficiale -. Per quanto riguarda la Serie D, la LND proporrà al massimo organismo federale la cristallizzazione delle classifiche al momento dell’interruzione del campionato, prevedendo in questo modo la promozione delle prime classificate di ciascun girone e la retrocessione delle ultime quattro squadre classificate di ogni raggruppamento. Quest’ultimo aspetto, peraltro, aderisce a quanto già indicato dal Consiglio Federale in relazione ai campionati professionistici. Tra le richieste, anche quella relativa ad una graduatoria di merito per gli eventuali ripescaggi laddove si verificasse una carenza di organico, sempre tenendo conto di privilegiare il valore primario del merito sportivo.  

 

 

Analogamente per quanto attiene le attività di calcio a 5 nazionali ed il campionato di Serie C di calcio femminile, il Consiglio Direttivo proporrà alla FIGC di applicare i medesimi criteri relativi al merito o al demerito sportivo. Per quanto concerne l’attività regionale il Consiglio Direttivo ha invece affidato al Presidente Sibilia e agli altri consiglieri federali in quota LND, il mandato di richiedere una delega in favore della stessa Lega Nazionale Dilettanti, affinché sulla base delle realtà territoriali si possano adottare i criteri relativi alla conclusione dei campionati. Sempre in ordine all’attività agonistica è stato deliberato, a malincuore, che per questa stagione sportiva non si darà corso ai campionati di Beach Soccer. 

 

Dall'Eccellenza in giù è necessaria una traduzione dal politichese utilizzato dalla Lnd. La situazione è di stallo totale. Tutti d'accordo sulla promozione delle capoliste, ma la discussione si è arenata sulla questione retrocessioni, con le regioni del Nord e del Centro a spingere per bloccarle e quelle del Sud a pretenderle. Servirà un nuovo vertice, oltre a un ulteriore passaggio dal Consiglio Federale, per la decisione definitiva. I tempi, dunque, si allungano, con il verdetto che arriverà non prima di giugno.

 

Anche il futuro del settore giovanile agonistico continua a bollire in pentola. A tal proposito il comitato regionale, che ha facoltà di determinarlo autonomamente, ha creato un'apposita commissione: anche qui ci sono due differenti linee di pensiero sulla conclusione dei campionati. La soluzione dovrebbe arrivare il 3 giugno.

 

 

 

 

Banner Transped articoli

banner piccolo futbuk