Coordinamento dei Presidenti Bresciani, il punto e gli obiettivi post elezioni

Redazione

Il Coordinamento dei Presidenti Bresciani è tornato a riunirsi online. Inevitabile un aggiornamento, impreziosito da scambi di opinioni e sguardi al futuro dopo le recenti elezioni regionali.

 

Il gruppo, costituito dai massimi dirigenti delle società dilettantistiche bresciane, ad oggi annovera al suo interno 52 presidenti. Nelle scorse ore ha diffuso un comunicato stampa che pubblichiamo integralmente di seguito.

 

Il Coordinamento dei Presidenti Bresciani, riunitosi in data 12 gennaio 2021, per una valutazione sulle recenti elezioni per il rinnovo del Comitato Regionale Lombardo della LND ha espresso all’unanimità le seguenti valutazioni:


- Forte disappunto per le inefficienze, le anomalie e le presunte irregolarità emerse nello svolgimento dell’Assemblea Regionale, che confermano ulteriormente la necessità di un forte rinnovamento degli apparati regionali e nazionali;


- Sostegno al ricorso preannunciato dal candidato Presidente Alberto Pasquali e da tutti gli altri candidati, considerandolo in ogni caso utile a verificare il reale andamento delle votazioni, anche nell’interesse del Presidente eletto Carlo Tavecchio;


- Positivo apprezzamento per il forte segno di cambiamento e di discontinuità costituita dalla candidatura di Alberto Pasquali, che ha comunque raccolto il voto del 50% delle società lombarde, avviando una operazione di rinnovamento cui il Coordinamento dei Presidenti Bresciani ha certamente contribuito, soprattutto per ciò che riguarda gli aspetti programmatici di entrambi i candidati.


Alla luce del risultato, in attesa dell’esito del ricorso, appare comunque necessario ribadire gli elementi e gli impegni costitutivi del Coordinamento:

 

- Mantenere per tutta la durata del mandato del nuovo CRL un’attività di coordinamento al fine di stimolare e monitorare l’operato del Presidente e dei Rappresentanti Eletti, richiamandoli, con leale collaborazione, agli impegni assunti nel programma elettorale;


- Continuare a sostenere in ogni sede le proposte di cui al documento programmatico note come “Proposte per la ripresa del calcio dilettantistico” (i famosi 10 punti);


- Indirizzare, per quanto riguarda la questione di più stretta attualità, ogni sforzo verso la ripresa dell’attività sportiva sui campi, superando l’attuale incertezza, con l’obiettivo prioritario di organizzare al meglio la prossima stagione 2021/2022, dando prospettive certe alla programmazione delle società.


Il Coordinamento dei Presidenti Bresciani inoltre:


- rivolge un pressante invito al Presidente Tavecchio affinchè nella nomina delle Delegazioni Provinciali venga adottato il criterio di acquisire il consenso maggioritario delle società facenti parte della Delegazione, così come si era impegnato a fare il candidato Alberto Pasquali e, come risulta ancor più necessario per la Delegazione di Brescia, alla luce del risultato elettorale;


- invita tutte le Società Bresciane ad aderire al Coordinamento ed a sollecitare nelle prossime occasioni previste dalle consultazioni del Presidente l’accoglimento di queste proposte;


- indirizza un caloroso ringraziamento ad Alberto Pasquali per l’ennesima dimostrazione di servizio al calcio dilettantistico e lo invita a rimanere disponibile ritenendolo una risorsa importante per il rinnovamento del settore.


I Portavoce:
Stefano Pedrini (Cat. Eccellenza);
Giuseppe Taini (Cat. Promozione),
Oliviero Belotti (Cat. Prima Categoria),
Tony Scotti (Cat. Settore Giovanile)