QI, le voci dei protagonisti. Le giovani stelle sognano in grande

Redazione

Gli occhi di Calciobresciano.it sono stati attenti anche a cavallo tra la fine del 2019 e l'inizio del 2020 per scoprire le squadre, i giocatori e i giovani che si sono contraddistinti appena prima e subito dopo le feste.

 

Al QI Clubbing di Erbusco sono infatti stati premiati i protagonisti dei mesi di dicembre e di gennaio che, per qualche settimana, hanno quindi prolungato i festeggiamenti. La prima serata di premiazioni è andata in scena sabato 8 febbraio; ad essere premiate le squadre dei campionati del CSI di Brescia.

 

Jeant e Monticelli Brusati, impegnate nel campionato di Serie B di calcio a 7, guidano i rispettivi gironi (N ed E) e vogliono continuare su questa strada. "Per ora è sicuramente una stagione positiva. Abbiamo iniziato per gioco, poi la passione l'ha fatta da padrona. L'importante è comunque divertirsi ed è quello che stiamo facendo. L'obiettivo adesso è quello di vincere il campionato - ha dichiarato Francesco Albanesi, capitano di Jeant - anche se essendo al primo anno non eravamo consapevoli di quale fosse il livello della competizione e dei nostri avversari".  Sulla stessa linea, a livello di aspettative iniziali, anche la squadra del Monticelli "Non ci aspettavamo di essere dove siamo - ha dichiarato Marco Cobetello, portiere del Monticelli - e non abbiamo obiettivi. La nostra filosofia è quella di dare tutto e uscire dal campo senza forze".

 

Per quanto riguarda il campionato di Serie A del CSI ad essere premiata è invece stata la formazione Novagli Blu, che milita nel Girone 4, e che sta dando vita a una lotta serrata con l'U.S. Cigolese e il Verolavecchia. "Fino ad ora è stata una bella stagione, siamo stati in testa alla classifica fino a quando abbiamo ricevuto il premio - ha dichiarato il difensore Stefano Malpezzi - poi abbiamo pareggiato con il Gambara, ma siamo venuti a festeggiare lo stesso. Il 2020 è iniziato così e così, l'obiettivo è vincere il campionato e puntiamo ad essere qui a festeggiare a fine stagione".

 

Venerdì 14 febbraio a ricevere il premio sono invece stati i giocatori e i giovani che più hanno brillato nei campionati tra Serie D e Terza Categoria. I migliori giovani sono stati il classe 1999 Sene del Villanuova e il classe 2001 Stefana del Real Dor. Per entrambi, quello assegnatogli, è stato il primo riconoscimento. Inoltre tutti e due sognano - vista la giovane età - di diventare calciatori professionisti. "Sono felice di questo premio. Sono in prestito al Villanuova - ha dichiarato Sene - e mi sto trovando benissimo in questa squadra. Voglio continuare, anche nella seconda parte di stagione, a dare il mio contributo al club che ringrazio per avermi fatto raggiungere questo traguardo. Il mio sogno è quello di diventare professionista". Tanta la gioia anche per Stefana: "E' una bella sensazione ricevere questo riconoscimento, sono davvero contento. Al Real Dor mi sto trovando molto bene, siamo tutti molto amici e questo sicuramente aiuta. Mi ispiro a Mbappè e mi piacerebbe diventare un calciatore professionista".

 

Tra i migliori giocatori spazio invece a Viscardi del Lograto e a Marcolini del Ghedi. "E' stato un mese importante a livello individuale e a livello di squadra, speriamo di continuare così. Dopo due anni trascorsi a giocare in provincia di Mantova finalmente è arrivato questo premio - ha detto Viscardi -. Mi sono sempre ispirato a due calciatori che sono Romario e Aguero. Mi sarebbe piaciuto diventare professionista, adesso il sogno nel cassetto è quello di segnare più gol possibili. Con i miei gol spero di poter aiutare la squadra a raggiungere la salvezza il prima possibile". "Dicembre è stato il mio mese migliore e anche per la mia squadra - ha detto l'attaccante Marcolini -. In questa squadra mi sto trovando molto bene sotto tutti gli aspetti: mister, società e compagni. L'importante è divertirmi e portare più in alto possibile la squadra".