Puntata numero 27: Ruggero Rusconi

Redazione
L'esordio in categoria fu particolare e insolito. Vista l'emergenza nel ruolo giocó portiere e debuttó in Serie D.
 
Poi il percorso di Ruggero Rusconi si è sviluppato lontano dalla propria area di rigore, piuttosto vicino invece rispetto a quella avversaria. Trequartista o esterno offensivo, il classe 1997 in questa stagione si è consacrato come uno dei migliori giovani del campionato. Gol e assist hanno raggiunto una cifra notevole e Rusconi con il passare delle partite è diventato uno degli inamovibili nello scacchiere di Deprà prima e Poma poi. Conosciamolo meglio:
 
Nome: Ruggero
Cognome: Rusconi
Nato: 29/05/1997
A: Brescia
Nazionalità: itlaiana 
Residenza: Brescia
Professione: Operaio
Altezza: 1,77 m
Peso: 65 kg
Piede: destro
Momento dell’innamotamento: 2006, vittoria Mondiali dell'Italia 
Da bambino sognavo: di diventare un calciatore come ogni bambino che gioca a calcio
Gesto tecnico preferito: le sterzate 
Devo migliorare: a essere sempre costante nelle prestazioni
Settore giovanile: Brescia, Montichiari, Feralpi Salò
Allenatore da cui ho imparato di più nel settore giovanile: Mauro Rosin 
Esordio in prima squadra: Atletico Montichiari, Serie D
Carriera in prima squadra: ho esordito a 15 anni da portiere perché i due della prima squadra erano squalificati, quindi nonostante io non facessi più il portiere mi hanno chiesto di farlo. Quello fu il mio esordio, poi sempre a Montichiari come trequartista, Mapellobonate, Ciliverghe ancora Montichiari e infine Orsa Iseo.
Primo gol: 17 anni a Montichiari, Serie D 
Ruolo: da portiere a attaccante
Squadra del cuore: Juve 
Il momento più bello da tifoso: la vittoria del primo scudetto di Conte alla Juve 
Fonte di ispirazione: Isco 
In campo assomiglio a: non saprei
La canzone che mi carica: “Crazy" di Lil Pump
Scarpe da calcio: Nike Mercurial
Piatto preferito: cotolette 
La macchinata ideale: Luca Vino, Stefano Coly 
Cena a lume di candela con: Luca Bettinzoli 😂
La partita che non dimenticherò: il mio esordio in serie D da portiere perché è stata una bellissima esperienza
Identiquota che consiglio: Francesco Piccinardi portiere dalla governolese