I migliori giovani - Puntata numero 19: Cristian Martinazzoli

Redazione

I campionati si fermano, ma il nostro giro per scoprire i nuovi giovani talenti del calcio bresciano non si arresta.

 

La diciannovesima puntata dell'Identiquota fa scalo a Darfo, per incontrare un esterno a tutta fascia cresciuto nel settore giovanile locale. Dopo un anno (e che anno) in maglia Breno, in questa stagione è tornato a casa base per aiutare i neroverdi a mantenere i piedi piantati in Eccellenza. Andiamo a scoprire la scheda di Cristian Martinazzoli.

 

Nome: Cristian
Cognome: Martinazzoli
Nato il: 27/04/1999
A: Esine (Bs)
Nazionalità: italiana
Residenza: Cerveno (Bs)
Professione: magazziniere
Altezza: 179 cm
Peso: 70 kg
Piede: ambidestro
Il momento dell'innamoramento: da piccolo, ho sempre giocato in strada nella mia via e nel campetto del paese
Da bambino sognavo di: diventare un calciatore professionista
Il gesto tecnico preferito: inserimento e “cambio passo”
Devo migliorare: tecnicamente 
Settore giovanile: Darfo Boario
L'allenatore nel settore giovanile da cui ho imparato di più: Norman Fontana, Beppe Manenti
Esordio in prima squadra: agosto 2017
Carriera in prima squadra: 2017/2018 Darfo Boario (Serie D), 2018/2019 Breno (Eccellenza), 2019/2020 Darfo Boario (Eccellenza)
Primo gol “tra i grandi”: Romanese-Breno
Ruolo: terzino/esterno (destra o sinistra)
Squadra del cuore: Milan
Il momento più bello da tifoso: il Milan che vince la Champions nel 2007
Fonte di ispirazione: non ho particolari fonti di ispirazione, però il mio idolo è sempre stato Kakà
La canzone che mi carica prima della partita: "Wing$" di Macklemore
Scarpe da calcio che indosso: Nike Phantom Venom
Cena a lume di candela con: la mia morosa Alessia
Piatto preferito: polenta e spezzatino
La macchinata ideale: Elia Sorteni, Lucas Szafran e Fabio Baccanelli
La partita che non dimenticherò: la finale playoff Vertovese-Breno, vinta 2 a 1: segnai il primo gol e guadagni il rigore del secondo
Il senatore bastonatore: Stefano Tignonsini
La partita che vorrei rigiocare: la finale trofeo Bresciaoggi negli Allievi, persa ai rigori contro il Cellatica
Il compagno più forte con cui ho giocato: Nadir Minotti
L'avversario più forte che ho affrontato: Josip Ilicic, incontrato durante un'amichevole contro l'Atalanta