I migliori giovani - Puntata numero 1: Alessandro Barbieri

Redazione

Torna la nostra rubrica dedicata alle migliori “quote” della provincia, partendo subito con uno dei giovani che più sta stupendo nelle prime battute in Eccellenza.


Alessandro Barbieri nasce centrocampista ma nelle prime giornate è stato utilizzato esterno da mister Stankevicius in quel di Lumezzane, sognando sempre di tornare sul palcoscenico professionistico, già gustato con la maglia delle giovanili del Brescia.


LA SCHEDA
Nome: Alessandro
Cognome: Barbieri
Nato il: 24/12/2002
A: Brescia
Nazionalità: italiana
Residenza: Brescia
Professione: studente
Altezza: 185 cm
Peso: 70 kg
Piede: destro
Ruolo: centrocampista/esterno


IL PERCORSO
Da bambino sognavo di: diventare calciatore in serie A.
Il gesto tecnico preferito: passaggio filtrante.
Devo migliorare in: personalità.
Settore giovanile: Pavoniana, Brescia, Rigamonti.
L'allenatore nel settore giovanile da cui ho imparato di più: Antonio Pini
Esordio in prima squadra: il 28/09/2020, Lumezzane-Vobarno finita 2-0. Ho fatto il mio ingresso in campo nel secondo tempo con le squadre ancora sullo 0-0 e sono riuscito a sbloccare il match. Un esordio memorabile.
Carriera in prima squadra: Ho iniziato la carriera in prima squadra l’anno scorso a Lumezzane, feci un paio di panchine prima di entrare in rosa ufficialmente quest’anno.
Primo gol “tra i grandi”: il gol dell’1-0 nel mio esordio in Lumezzane-Vobarno. Quando ho visto il pallone insaccarsi non sapevo più a cosa pensare. Non mi rendevo conto di quanto fosse successo. È stato davvero bello.


FONTI D'ISPIRAZIONE
Squadra del cuore: Milan.
Il momento più bello da tifoso: quando scesi negli spogliatoi con i giocatori del Milan prima di Milan-Juventus nel 2010.
Fonte di ispirazione: Cristiano Ronaldo.
In campo assomiglio a: da centrocampista a De Bruyne. Ora che gioco esterno devo ancora trovare un modello.
La canzone che mi carica prima della partita: "Stargazing" di Travis Scott.
Scarpe da calcio che indosso: Adidas Predator.
Cena a lume di candela con: la vorrei fare con mio nonno. È stato il mio primo tifoso e anche adesso che non c’è più so che la sua grande energia mi accompagna ogni volta che scendo in campo.
Piatto preferito: calamarata.


IL MIO CALCIO
La macchinata ideale: con i miei compagni di squadra, nessuno in particolare.
La partita che non dimenticherò: Lumezzane-Vobarno 2-0, esordio con gol.
Il senatore bastonatore: Simone Pesce, ha la capacità di bastonare quando serve, un vero leader.
La partita che vorrei rigiocare: La partita dell’esordio, la rigiocherei mille volte.
Il compagno più forte con cui ho giocato: Andrea Caracciolo.
L'avversario più forte che ho affrontato: Sebastiano Esposito ai tempi delle giovanili del Brescia, impressionante.
L'Identiquota che consiglio: Matteo Callegari, mio compagno a Lumezzane.