Cantoni, Bolis, Rampini e Zotti. I quattro moschettieri

Redazione

zotti_bornato

ECCELLENZA
Palazzolo sogna, e se ha il diritto di farlo è soprattutto grazie a CANTONI, l'uomo del momento in casa biancazzurra. Il suo arrivo in riva all'Oglio ha trasformato una squadra già forte in un'autentica corazzata. Nell'ultimo turno di campionato si è meritato la candidatura di giornata della sua categoria grazie a una doppietta decisiva. Capo indiano.


Nella foto Zotti del Bornato, top player di giornata in Seconda Categoria


Il Vallecamonica viene beffato nel finale dal Sarnico, ma la prestazione di POLINI resta di spicco. In avvio di ripresa insacca con un bel colpo di testa ma l'arbitro annulla. Il gol è solo rinviato perché il numero 6 porta in vantaggio i suoi su calcio di rigore. Mai domo.

Non sempre è necessario segnare per salire sul podio dei top player. Lo dimostra POLI del Rigamonti Nuvolera, che giganteggia in mediana in una gara tattica e combattuta vinta di misura. Mordiroccia.

 

PROMOZIONE
BOLIS guarda tutti dall'alto. Dopo il vantaggio dell'Asola si carica il Concesio sulle spalle e ribalta la situazione con un gol di rapina e una galoppata trionfale in contropiede. Ai difensori avversari gira ancora la testa. Spauracchio.

 

La Calvina fa suo il derby con la Bassa e PRANDI si prende con merito le luci della ribalta grazie a una doppietta straordinaria: prima un pallonetto delizioso, poi mette a sedere Lupi e insacca. Colpisce anche un palo. Tritatutto.

La Pedrocca stende il Rezzato, trascinata da un DELLAMONICA super, che ispira tutti gli attacchi biancorossi, si procura un rigore e realizza il gol che chiude il match. Multicentrum.

 

1^ CATEGORIA
Per realizzare un gol così servono i cromosomi del genio nel dna calcistico. RAMPINI li possiede, e nella sfida vinta 3-0 dal suo Real Borgosatollo contro l'Ome s'inventa una conclusione da 45 metri che beffa il portiere avversario, secondo gol di una giornata da incorniciare. Michelangelo.

 

Quella tra Calcinato e Sarginesco è stata una sfida da sconsigliare ai deboli di cuore. Protagonista in positivo DINCAO, uno che quando l'atmosfera diventa elettrica riesce a dare il meglio di sé. Porta in vantaggio i suoi al 17' della ripresa, poi assiste impotente all'uno-due firmato Bartlik e Spazzini, che al 90' e al 91' ribaltano la situazione. Due gol che potrebbero abbattere un elefante, ma non lui, che al 93' trova la forza per trovare il pareggio. Mammut.

Medaglia di bronzo in condivisione per GATTA del Vobarno e SIGALINI della Cazzaghese, assoluti padroni dell'area di rigore e condottieri delle rispettive squadre. Cavalli di razza.

 

2^ CATEGORIA
La partita era di quelle alle quali si pensa per una settimana intera. ZOTTI non si scompone, si fa trovare pronto e vince il duello a distanza con il Pallone d'Argento Rota siglando una doppietta che anestetizza il Saiano e vale oro per la classifica del Bornato. Re Leone.

 

Due gol e tre punti. È una domenica bestiale CAZZAGO, che candida la sua Virtus Rodengo al ruolo di anti-Bornato. Locomotiva.

Il Gavardo cala il settebello e fa a pezzi la Virtus Feralpi Lonato. Tutti i gialloneri meriterebbero una menzione, ma come portabandiera abbiamo scelto RIGHETTI, autore di una doppietta nel giro di due minuti e di un gol alla Messi da autentico dribblomane. Ape regina.