Brixia Champion: Eurocasa & Tedoldi e Personal Data le due finaliste Open

Tanti gol, un cielo che prometteva tempesta, un grosso spavento, una serata infinita. Ma, alla fine, i nomi delle due finaliste che escono dal cilindro. Il torneo notturno Brixia Champion di viale Venezia non è per deboli di cuore. Dopo circa tre ore di impegno, tra tempo effettivo e sospensioni, va in archivio anche il penultimo atto del tabellone Open, che proponeva le sue due semifinali.

 

 

Nella prima, Bar Sport Chiesanuova sfida Eurocasa & Tedoldi. L’8-4 finale è frutto di una gara a due volti: 20 minuti in cui l’equilibrio in campo è totale, anzi, con i verdi che mostrano qualcosa in più. Secondi 20 minuti di tracollo degli stessi, con conseguente esaltazione dei neri. Tre i protagonisti per Eurocasa & Tedoldi: il portiere Andra Valtorta, il tuttocampista Gabriele Scidone, l’attaccante Daniele Colosio.

Proprio il numero 10 fa capire subito di essere ispirato, centrando il palo. A passare è però Bar Sport Chiesanuova, con un diagonale dalla destra di Daniel Boglioli. A primo tempo quasi scaduto Colosio pareggia, controllando un cross di petto e scagliando la sfera sotto la traversa. Tanta intensità, pochi gol, gara pressoché bloccata. Nella ripresa cambierà tutto.

Déjà vu, Colosio apre la frazione prendendo il palo, ma poco dopo, imbeccato da Scidone, serve a Melkamu Taufer l’assist del 2-1. Luca Signorini non ci sta e tira fuori il jolly, trovando un destro a giro potente che si infila nel sette lontano. Ecco quindi che i tre top player di cui sopra tornano ad attivarsi. Scidone guida centralmente, finta il tiro di destro e batte Alessandro Bossini di sinistro; Valtorta cancella Signorini; Scidone va nuovamente in rete mettendosi in proprio.

Andrea Moreschi prova a rianimare i suoi, ma la traversa è nemica. Allora Colosio allunga nel giro di 2 minuti, con due gol pregiati: prima dribbla in doppio passo il marcatore e piazza aprendo il piatto, poi indovina una punizione perfetta da zona centrale. Sul 6-2 dovrebbe essere finita, ma Bar Sport Chiesanuova ha il canto del cigno. In 30 secondi Matteo Barezzani (sinistro da lontano) e Boglioli (sinistro incrociato che entra con l’aiuto del palo) fanno 6-4.

A chiuderla definitivamente è Scidone, da calcio piazzato. Sulla respinta corta di un primo Taufer trova la doppietta; direttamente col secondo (traversa-gol) il centrocampista del Ciliverghe sigilla sull’8-4 il passaggio dei suoi alla finalissima.

Bar Sport Chiesanuova – Eurocasa & Tedoldi 4-8
14′ pt Boglioli (B), 19′ Colosio (E); 4′ st’ Taufer (E), 6′ Signorini (B), 7′ Scidone (E), 9′ Scidone (E), 11′ Colosio (E), 12′ Colosio (E), 14′ Barezzani (B), 14′ Boglioli (B), 16′ Taufer (E), 20′ Scidone (E)

BAR SPORT CHIESANUOVA: 1 Alessandro Bossini; 8 Davide Rizzini; 5 Marco Pasinetti, 4 Pietro Barbieri (6 Matteo Barezzani), 28 Andrea Moreschi (13 Marco Belleri); 11 Luca Signorini; 10 Daniel Boglioli. A disposizione: 2 Andi Xhaferri.

EURO CASA & TEDOLDI: 1 Andrea Valtorta; 5 Simone Fiorentino; 32 Angelo Cazzago (6 Matteo Sala), 8 Gabriele Scidone, 7 Pietro Pizzamiglio (4 Filippo Pagati); 11 Melkamu Taufer (9 Alessandro Golfetto); 10 Daniele Colosio.

MVP: Daniele Colosio (Euro Casa Tedoldi).

Alle 21 dovrebbe iniziare la seconda semifinale, ma fin da subito si capisce che sta per girare tutto storto. RGS Ghidini chiede i 20 minuti di proroga per attendere un giocatore, nel frattempo il cielo si copre totalmente di nuvoloni neri e comincia a lampeggiare. Si parte con oltre mezz’ora di ritardo, cose che capitano nei tornei, cose comunque ammesse dai regolamenti.

La qualità delle due squadre giustifica l’attesa. Francesco Mozzo va vicino al vantaggio per Personal Data (nella foto copertina), ma di testa incappa nella traversa. Poco dopo Filippo Guerini pareggia il computo dei legni: palo interno. Stefano Tettamanti ha il merito di aprire le danze, concretizzando un taglio profondo e battendo Jacopo Chini sul primo palo. Con una dinamica simile (attacco alla profondità), Filippo Marziali fa 2-0 di sinistro. A dare la sveglia ai suoi è ancora Guerini, che calcia in rete una punizione dalla destra con il suo riconoscibile mancino. Potrebbe cambiare l’inerzia, se non fosse che Nicolò Tonolli sceglie che è il momento di determinare.

In primo luogo trasforma da centrocampo il calcio d’inizio, per l’immediato doppio nuovo vantaggio; poi, ad inizio ripresa, batte Chini in uno contro uno. Il capitano azzurro sfiora la tripletta, cancellata solamente dall’incrocio dei pali. Da match winner e mvp, il numero 70 passa dal lato storto della storia, assieme ad Idrissou Subutan. I due saltano in duello aereo e cozzano le teste, provocandosi a vicenda un taglio profondo. Entrambi cominciano a perdere molto sangue e devono essere soccorsi. Arrivano due ambulanze, i ragazzi escono in barella dopo le medicazioni e viaggiano verso l’ospedale per i controlli di rito. Stanno bene, ma che spavento…

Quando si riprende (è passata ormai un’ora e mezza dal previsto inizio gara), RGS Ghidini prova a produrre il massimo sforzo per riaprirla, senza però trovare la lucidità di pungere negli ultimi metri. Ad andare in gol è ancora Personal Data, letale in contropiede con Luca Casanova. Marziali prende l’ennesimo palo, infine l’arbitro dice che può bastare, due ore dopo l’appello. La speranza di tutti è che Tonolli possa recuperare in fretta, per vestire la maglia di Personal Data anche nella finalissima.

RGS Ghidini – Personal Data 1-5
10′ pt Tettamanti (P), 12′ Marziali (P), 15′ Guerini (R), 15′ Tonolli (P); 4′ Tonolli (P), 17′ Casanova (P)

RGS GHIDINI: 22 Jacopo Chini; 5 Daniele Mainardi; 77 Idrissou Subutan (14 Andrea Peroni), 46 Roberto Musinschi, 9 Simone Iemmolo; 10 Filippo Guerini; 7 Francesco Donnarumma (11 Henoc Stephane N’Gbesso). A disposizione: 69 Andrea Ghidini.

PERSONAL DATA: 1 Francesco Orlandini; 2 Alberto Boniotti; 10 Francesco Mozzo (3 Giorgio Gagliazzi), 5 Filippo Mostarda, 7 Filippo Marziali; 70 Nicolò Tonolli (8 Samuele Mauri); 9 Stefano Tettamanti (11 Luca Casanova).

MVP: Nicolò Tonolli (Personal Data).

 

condividi
Ultime notizie
 
 
Feralpisalò: da domani al via il ritiro di Darfo Boario Terme. Tutto quello che c'è da sapere.
Luglio 14,2024
 
 
Perugia: ufficiale l‘arrivo del classe 2003 Luca Bacchin
Luglio 14,2024
 
 
Breno: colpaccio Anthony Minessi nel reparto offensivo
Luglio 14,2024
 
 
Dopo Iddrissou, Palmini e Platto tanti altri giovani talenti approdano nei professionisti
Luglio 14,2024
 
 
Polpenazze, Finale: Nova Sider Forgital trionfa alla 44esima edizione del torneo!
Luglio 14,2024
 
 
Scelta la prima selezione dilettanti (Prima e Seconda) che giovedì sfiderà il Brescia
Luglio 13,2024
 
 
San Michele Idro: serata di sorprese, Piccolo Mondo in pompa magna
Luglio 13,2024
 
 
Mercato CBS: Real Castenedolo e Calcinato scatenati in Prima categoria!
Luglio 13,2024
 
 
Finali Mezzane: Scidone e Guerini al top, la 20ª edizione del torneo va a Geometra Cogoli
Luglio 13,2024
 
 
Mercato CBS: ancora importanti movimenti per le formazioni di Serie D
Luglio 13,2024
 
 
Le novità di mercato di Brescia, Feralpisalò e Lumezzane
Luglio 13,2024
 
 
Gaggiotti: "Brescia, non ti riconosco più". I talenti della Riga vanno altrove. Platto all'Atalanta
Luglio 12,2024
 
 
Sale. Lpr/Frabol e La Manega Franciacorta all'ultimo atto
Luglio 12,2024
 
 
Alessandro Oro porta la sua lunghissima esperienza di calcio femminile d'élite
Luglio 12,2024
 
 
CSI e settori giovanili sempre alla ricerca di giocatori, istruttori e collaboratori
Luglio 12,2024
 
 
Collebeato ci crede. Moretti: "Ambiziosi, non presuntuosi". Lombardi: "Obiettivo seconda categoria a breve termine".
Luglio 12,2024