Stefano Bertolotti (Ivar): "Non siamo mai appagati, vogliamo crescere ancora. Il calcio allena alla vita"

di Bruno Forza

In un articolo del 2011 dal titolo “La teoria del colore, questa sconosciuta”, Lisa Guerrini definiva l’arancione “il colore del fermento, dell’attesa di qualcosa di migliore, che passa un messaggio di movimento e fervore, spesso associato all’ambizione e alla volontà di affrontare le cose in un modo nuovo”.

Una definizione che calza a pennello con lo spirito di Ivar, eccellenza bresciana nel campo della progettazione e realizzazione di sistemi per il riscaldamento e impianti sanitari ad alta efficienza energetica. “Be Orange”, un motto sbocciato nei capannoni di Prevalle, si estende in tutta la provincia tramite le numerose collaborazioni messe in atto a sostegno di parecchie realtà sportive. Una prassi che consente a Ivar di esportare uno spirito imprenditoriale davvero affine alle sfide vissute dagli atleti bresciani di svariate discipline.

Stefano Bertolotti, amministratore delegato del gruppo, dribbla con schiettezza chiavi di lettura filosofiche: “L’arancione? È vero, per noi è un marchio di fabbrica, ma l’ho scelto semplicemente perché è il mio colore preferito”. Ascoltando il suo racconto, tuttavia, quell’arancione assume un significato più profondo, che penetra valori e sentimenti: dall’amore per il lavoro e la famiglia ai legami con il territorio, fino alle passioni più viscerali.

“Tutto ebbe inizio nel 1985, quando mio padre, ingegnere meccanico, decise di mettersi in proprio creando una società con mia madre e altri due soci. Si trattava di una piccola realtà che produceva per conto terzi e che fin da subito puntò sull’export, in particolare verso il Belgio. A inizio anni Novanta tutto passò nelle mani dei miei genitori perché gli altri due soci erano anziani e si ritirarono. La crescita è stata esponenziale. Le filiali commerciali oggi sono diffuse in tutta Europa. Due in Belgio, una delle quali opera in territorio olandese; una in Repubblica Ceca che è attiva anche in Slovacchia e Ungheria; poi Romania, Inghilterra, Spagna, e l’ultima arrivata in Francia. Siamo anche in Tunisia, Stati Uniti e Cina, dove vendere non è assolutamente facile. Anche il mercato russo è tra i più floridi, ma la produzione è tutta qui in Italia, nel Bresciano”.

39 anni di storia, 11mila prodotti e un giro d’affari che nel 2022 ha superato i 200 milioni. Il tutto all’insegna di un vero made in Italy: “Quello fa sempre la differenza, anche in un’epoca di produzione di massa, perché la qualità non è mai superflua. Purtroppo c’è chi lo sbandiera e non lo pratica, puntando maggiormente su logiche di prezzo. Io penso che si possano ancora ottenere risultati eccellenti producendo al cento per cento in Italia, senza de-localizzare. Vi dirò di più, noi potremmo definirci addirittura made in Brescia”.



230 dipendenti in Italia, quasi 500 nel mondo. Una squadra immensa: “Per gestirla nel migliore dei modi bisogna saper delegare. La differenza la fanno sempre le persone, non le macchine. Siamo avanzati tecnologicamente, è inevitabile, ma ancorati alla certezza che sia il capitale umano la risorsa più importante. Chi è al vertice dell’azienda deve essere consapevole che gli errori fanno parte del gioco, perciò non vanno condannati ma accettati, anche in una logica di miglioramento. Ciò che conta di più è remare tutti nella stessa direzione perché più si cresce e più c’è il rischio di perdere il controllo dei vari sistemi organizzativi, quindi occorre una rete di condivisione degli obiettivi. Sapersi ascoltare a vicenda è fondamentale”.

I parallelismi tra mondo imprenditoriale e sport sono molteplici. “Adoro lo sport. La mia passione primaria è il motociclismo, infatti pratico l’enduro da una quindicina d’anni. Fu decisivo l’incontro con Alessandro Botturi, del quale siamo sponsor. Ritengo, tuttavia, che siano le discipline di squadra quelle maggiormente intrise di valori. Ammiro figure come Julio Velasco e Carlo Ancelotti, autentici gestori di uomini. I club di prima fascia e le nazionali sono come grandi aziende, trascinate da individualità e governate la logiche di gruppo e obiettivi ambiziosi. In ambito provinciale e dilettantistico si riducono le dimensioni, ma il modello non cambia. Rispetto delle regole, reazione alle difficoltà, ambizioni, successi e fallimenti da affrontare nel modo giusto sono la base di ogni stagione. Il calcio è bellissimo perché è metafora della vita, ti allena a quella e ti insegna che, nonostante tutto, puoi sempre rialzarti e ricominciare”.

Ivar è partner della Rigamonti. “Per noi sostenere realtà di questo tipo significa condividere valori ed essere vicini al territorio. È una logica che anima la nostra azienda e che vale per la banda musicale del paese come per il Basket Brescia di Serie A. È bello e giusto dare una mano a realtà virtuose e le aziende di successo devono essere riconoscenti con le proprie aree di riferimento. Noi da sempre siamo aperti a relazioni di questo tipo”.

In granata Bertolotti ha trovato anche la dimensione ideale per far crescere i propri figli. “Da ragazzo ho praticato minibasket e atletica, che rimpianto non aver messo gli scarpini ai piedi! Vivo il calcio ora, da genitore. Alla Rigamonti ho trovato un contesto meraviglioso, direi raro. Giorgio Gaggiotti è un personaggio istrionico, va detto, ma è genuino e vive nel segno di un rispetto totale nei confronti di ragazzi e famiglie. Penso che abbia ragione il 97% delle volte che parla, ma spesso lo fa di pancia (ride ndr). Gli ho detto che se dicesse le cose con maggior diplomazia potrebbe essere un politico di altissimo livello. Lui e Toni Scotti hanno esperienza, conoscono il significato profondo dello sport e fanno grandi cose per il calcio e per la Riga. Parliamo di un club con 350 tesserati e un bilancio da azienda, ma messo al servizio dei giovani. Dietro non ci sono oratori o paesi, non va dimenticato. Vedere genitori che fanno i volontari anche quando i figli hanno cambiato maglia mi emoziona molto”.

L’ad di Ivar sposta lo sguardo anche verso i vertici del nostro calcio. “Il Brescia? Ovviamente una realtà di quel tipo implica, da parte della proprietà, la consapevolezza che la tua squadra è anche ‘cosa pubblica’. Allo stesso tempo i tifosi devono accettare che il presidente operi, con le sue risorse, come meglio crede. A mio avviso ad alto livello c’è troppo individualismo e scarsa cooperazione, ciò che invece sto constatando in un contesto come Lumezzane, che va in controtendenza. Penso che con gli orticelli non si vada lontano, per fare grande calcio oggi serve sinergia tra imprenditori. Tre realtà professionistiche per la nostra provincia sono troppe. C’è dispersione e il rischio è un appiattimento verso il basso. Purtroppo lo constatiamo anche a livello giovanile”.



Chi eccelle nel vivaio, invece, è proprio la Rigamonti, premiata per due anni di fila come miglior settore giovanile nostrano agli Oscar CBS: “E non c’è due senza tre. Le squadre agonistiche stanno andando forte e anche l’esperimento della Juniores garantisce ottimi frutti. Il mio sogno sarebbe veder sbocciare l’Under 23. Le logiche delle prima squadre, dove si gioca per soldi, non mi appassionano. Mi piace l’idea di dare una prospettiva ulteriore ai ragazzi, affinché possano proseguire un percorso all’insegna del gruppo e dell’amicizia in un contesto di qualità”.

La fretta, secondo Bertolotti, è cattiva consigliera. “I giovani di oggi devono imparare ad affrontare ogni cosa con maggiore calma e minor voracità. Per crescere non bisogna correre all’impazzata, ma cavalcare le opportunità e operare con costanza. Vedo molti ragazzi che cambiano lavoro in continuazione, vogliono diventare responsabili dopo due anni di esperienza, eppure ciò che hanno imparato a scuola è solo una piccolissima fetta di ciò che occorre per fare un salto di qualità. C’è quello che chiamo ‘effetto Zuckerberg’, che spinge tutti a voler scalare le vette in un attimo, ottenendo prestigio, denaro e fama a velocità supersoniche. Non funziona così e cambiare in continuazione non li aiuterà. Peraltro credo che occorra più rispetto anche nei confronti dei datori di lavoro, che investono su di loro con il rischio di restare con un pugno di mosche in mano dopo averli fatti crescere. A parti invertite non c’è la stessa libertà di scelta”.

L’appello al Governo è sempre focalizzato sui giovani: “Se potessi esprimere un desiderio chiedendone l’attuazione immediata domanderei di promuovere dei programmi concreti ed efficaci in ambito formativo. Mancano ingegneri, tecnici, operai specializzati. La scuola italiana non prepara i lavoratori che le aziende cercano e bisogna investire maggiormente in università e ricerca. Questione tasse? L’importante è pagarle tutti. Anche all’estero ci sono e gli importi non sono così differenti, ma si convertono in servizi. Qui è diverso”.

Investire per crescere è un comandamento per Ivar, che durante la pandemia, non senza difficoltà, ha ampliato il suo quartier generale, arrivato a 50mila metri quadri di espansione: “Non siamo mai appagati. Siamo reduci da spese importanti, ma siamo orgogliosi dei risultati ottenuti e puntiamo ad un ulteriore sviluppo. Il rapporto con mio fratello? In azienda si litiga spesso, probabilmente ogni giorno, ma fa bene perché ci stimola. Il confronto qui è sempre ben accetto, non c’è servilismo. Se si decide un’azione va eseguita, altrimenti avrebbe il sopravvento l’anarchia, ma dopo aver fatto il proprio dovere si può discutere di tutto. La mia porta è sempre aperta e le osservazioni di chi lavora qui mi fanno riflettere”.

Su un futuro passaggio di consegne massima serenità. “I miei figli hanno 18 e 16 anni. Mi piacerebbe lasciare nelle loro mani il testimone, ma non è un chiodo fisso. Uno sembra interessato, potrebbe iscriversi ad Economia e Commercio; l’altro è più artista. Potranno fare i proprietari, non per forza i dirigenti. Vedremo, una cosa è certa: li sosterrò affinché possano far sbocciare i progetti in cui credono e che li animano”.

Comunque vada una certezza c’è: anche il futuro sarà arancione.

LA SCHEDA
Azienda – I.V.A.R. spa
Indirizzo – via IV Novembre 181, Prevalle Telefono – 030.68028
Società sponsorizzata – Rigamonti
Sito ufficiale – ivar-group.com
Pagina Facebook – IVAR

condividi
Ultime notizie
 
 
Feralpisalò-Como 2-5, le pagelle: Cutrone con la solita fame, Zennaro-Felici costruiscono
Aprile 20,2024
 
 
Calci d'angolo letali: il Como dilaga 5-2 a Piacenza, Feralpisalò spalle al muro
Aprile 20,2024
 
 
Feralpisalò-Como 2-5, il tabellino: manca un gol ai gardesani
Aprile 20,2024
 
 
Il Brescia è spento, la traversa lo salva: finisce 0-0 con la Ternana
Aprile 20,2024
 
 
Prima categoria, ultima giornata: tutte le combinazioni possibili e la classifica avulsa
Aprile 20,2024
 
 
Promozione, ultima giornata: tutte le combinazioni possibili e la classifica avulsa
Aprile 19,2024
 
 
Chi fischia domenica? Tutte le designazioni del 21 aprile
Aprile 19,2024
 
 
Comunicato del Brescia: "Brera Holdings? Ci vogliamo rivolgere a Chi l'ha visto?..."
Aprile 19,2024
 
 
VighenziU19, Mister Berardi: "Stagione bella e strana, la dedica va a mio papà"
Aprile 19,2024
 
 
SirmioneU19, Marco Lecchi: "Siamo una famiglia. Saremo nella storia del nostro Sirmione"
Aprile 19,2024
 
 
Riccardo Vairani: “Risultato sorprendente grazie all’applicazione di tutti i ragazzi”
Aprile 19,2024
 
 
Migliori giovani 2024, ventiduesima puntata: Erik Zanelli, Ospitaletto
Aprile 19,2024
 
 
Rass.stampa - Bresciaoggi: "L'offferta sul tavolo di Cellino è di Brera Holdings"
Aprile 19,2024
 
 
Nasce la Coppa Meraviglia. Calcio giovanile e beneficenza nel ricordo di Checco Forza
Aprile 19,2024
 
 
I risultati delle semifinali di Giovanissimi U15 ed U14 Challenge
Aprile 18,2024
 
 
I risultati delle semifinali di Allievi U16 e Giovanissimi U14 Next Generation
Aprile 18,2024